Occhio alla data

Appuntamenti culturali a Bondeno
Data: Mercoledì, 24 novembre 2004 alle 00:00:00 CET
Argomento: Attualità
Giovedì 25 novembre, alle 20 e 30 nella sede della società operaia di mutuo soccorso, in Viale Repubblica a Bondeno, ci sarà una pubblica proiezione di diapositive organizzata da” Foto ottica Grechi”. Autore :Nello Schiena; soggetto: la Libia. Venerdì 26, nella stessa sede, ci sarà un incontro tra le associazioni di volontariato del territorio, presente l’assessore LucaPancaldi. Sabato 27, alle 10, presso il cinema Argentina, un convegno di cui diamo di seguito il programma.
Beni Culturali e valorizzazione del territorio
Giornata di studio
Sabato 27 novembre 2004
Ore 10.00 Bondeno, Cinema Teatro Argentina
Saluti
Dott Davide Verri – Sindaco di Bondeno (Fé)
Introduzione ai lavori
Beni Culturali e valorizzazione del territorio
Giornata di studio
Sabato 27 novembre 2004
Ore 10.00 Bondeno, Cinema Teatro Argentina
Saluti
Dott Davide Verri – Sindaco di Bondeno (Fé)
Introduzione ai lavori
Prof Maria Bollini – Università di Ferrara
Dott. Alessandro Fugaroli — Dirigente Scolastico Istituto Istruzione Superiore
“G. Carducci” di Ferrara
Una pianificazione culturale per il territorio Prof. Jacopo Ortalli — Università di Ferrara
Politiche europee e formazione: i benefici per il territorio
Dott. Giovanni Perrino – MIUR, Direzione generale Affali Intemazionali
Il ruolo della comunicazione per i beni culturali:
divulgazione del territorio sul territorio
Dott. Roberto Giacobbo — Autore e conduttore RAI2
Il Museo Archeologico di Bondeno
Dott. Barbara Zappaterra –
Responsabile del Museo Civico Archeologico di Bondeno
Beni culturali e territorio: le potenzialità della realtà di Bondeno Prof. Livio Zerbini — Università di Ferrara

Dall’archivio di bondeno.com

Traguardo lavoro

Traguardo lavoro. Nuove opportunità per chi cerca lavoro a Cento e nell’Alto Ferrarese’. È questo il tema del convegno programmato per giovedì 15 marzo e organizzato dal Comune di Cento in collaborazione con l’Agenzia Regionale per il Lavoro, con Centoform e con il Consorzio Cento Cultura.

L’incontro ha lo scopo di presentare le nuove iniziative disposte dalle istituzioni nazionali e locali per la promozione dell’occupabilità e l’inserimento lavorativo di tutte le persone in cerca di nuova o prima occupazione. L’obiettivo è quello di accompagnare le persone nell’inserimento nel mercato del lavoro, aumentando e aggiornando le loro competenze per renderle compatibili con il mercato, utilizzando gli strumenti della formazione professionale, dell’orientamento, dei tirocini formativi.

«L’inserimento nel mondo di lavoro, e la messa in campo di azioni per favorire l’occupabilità, sia dei giovani sia dei meno giovani, è un tema centrale per la nostra Amministrazione Comunale – commenta il vicesindaco Simone Maccaferri -. Già nei mesi scorsi abbiamo promosso, con una apposita convenzione, iniziative di orientamento al lavoro rivolte a persone fragili e vulnerabili».

In questa direzione va anche la stretta collaborazione con l’Agenzia Regionale per il Lavoro, con Centoform e con il Consorzio Cento Cultura.

«L’azione di questa Amministrazione, grazie soprattutto al servizio Informagiovani e a tali importanti collaborazioni, si sviluppa su tre assi principali: comprendere le esigenze delle aziende del territorio, qualificare l’offerta di lavoro per rispondere alle necessità in termini di esperienze e competenze e, infine, facilitare la conoscenza delle imprese e dei profili richiesti da parte della cittadinanza. Importante è agire in maniera coordinata e coerente per ampliare gli orizzonti e lavorare in una logica sovracomunale. Per questo gli amministratori dei comuni limitrofi sono stati invitati a prendere parte attiva all’evento del 15 marzo e a ragionare su collaborazioni specifiche volte a valorizzare servizi professionali e di qualità».

«È particolarmente importante – aggiunge la responsabile formazione di Centoform Stefania Casalini – sottolineare la nuova rete dei servizi per il lavoro che vede la collaborazione dei soggetti pubblici e privati per massimizzare l’occupabilità delle persone e l’effettiva occupazione sul territorio. In questo momento le opportunità per chi cerca lavoro sono diversificate e vanno dalla possibilità di un affiancamento personalizzato nella ricerca alle opportunità formative sulle competenze chiave per la rioccupabilità, come l’informatica, l’uso delle lingue straniere e le competenze personali di comunicazione efficace e team working; così come le opportunità riservate alle persone con particolari fragilità. Centoform è in prima linea in tutte queste azioni e sta cercando di creare reti territoriali (tra enti, soggetti pubblici ed aziende) che arricchiscano il tessuto sociale in termini di sviluppo economico e culturale».

Scienza e tecnologia della luce


h. 10.15 -17.30 | Bondeno, Sala 2000 

SABATO 24 OTTOBRE

E’ un convegno con la partecipazione di astronomi, scienziati, ingegneri della luce ed esperti di illuminotecnica, inquinamento luminoso, laser, ecc., nel 350° della pubblicazione del De Lumine di Francesco Maria Grimaldi, che sarà in contemporanea con “Le giornata della Creatività”,

La conoscenza della luce è sempre andata a braccetto con i progressi nella conoscenza e nella tecnologia: dai Led premiati con il Nobel nel 2014, alle connessioni Internet superveloci, dalla fotosintesi che nutre le piante al fotovoltaico.

Senza dimenticare la luce che riceviamo dallo spazio cosmico, e ci conduce, oltre l’atmosfera terrestre, verso l’immensità dell’universo, fonte della luce e dell’energia luminosa che impieghiamo sulla terra. Si diviene così consapevoli dell’“inquinamento luminoso”, dei suoi effetti negativi per chi si occupa di ricerca scientifica osservando il cielo notturno, e su come fermarlo.

PROGRAMMA

10,30 Luci, colori ed immagini astronomiche, Roberto Bedogni, Osservatorio Astronomico INAF Bologna
  • 11,15Le Onde Buie della Gravitazione, Massimo Mazzoni, Università di Firenze
  • 12,00 –  Guglielmo Marconi e la ‘Luce’ per comunicare, Francesco Paresce, INAF, NASA, ESA

12,40 – Pausa

  • 14,50 –  L’esperimento più bello ? della fisica?, Giorgio Lulli, IMM- CNR Bologna
  • 15,35I materiali bidimensionali nell’anno internazionale della LuceCostantino de Angelis, Università di Brescia
  • 16,25L’inquinamento luminoso nel mondo. Anteprima del nuovo atlante, Fabio Falchi, Presidente Associazione Cielo Buio
  • 17,15L’energia solare: dalla foglia alle nanostrutture, Carlo Alberto Rozzi, Istituto Nanoscienze CNR, Modena,
  • 18,00Le Luci dell’Universo invisibile, Giuseppe Malaguti, Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica cosmica –  INAF Bologna

 

Festival della Luce

 

Convegno di Selenografia antica per celebrare Giovanni Battista. RICCIOLI e Francesco Maria GRIMALDI

h. 10.15 -17.40 | Bondeno, Sala 2000 

VENERDì 23 OTTOBRE

Il Convegno sulla Selenografia del Seicento sarà un ampio excursus sulla nascita della selenografia secentesca (senza però dimenticare qualche antecedente: il Leonardo del Codice Atlantico e William Gilbert del Mondo nostro Sublunari), dal Sidereus Nuncius di Galileo Galilei (la prima pubblicazione a stampa che contiene disegni della Luna eseguiti con l’ausilio del cannocchiale)  alla grande carta di Giovanni Domenico Cassini, fino ad esaminare i problemi legati alla scelta della toponomastica lunare. Saranno descritti anche gli aspetti strumentali (i primi telescopi a lenti semplici, la loro risoluzione ed ingrandimenti) ed il loro impatto sulla qualità delle osservazioni astronomiche. Si esaminerà il contributo di Grimaldi e Riccioli e della scuola gesuitica all’astronomia (tra Tolomeo e Copernico), attraverso le grandi opere collettive compilate alla metà del Seicento: l’imponente Almagestum Novum e la “nuova” astronomia nell’Astronomia Reformata.

La moderna osservazione scientifica del cielo, e della Luna in particolare, ha avuto inizio nel primo decennio del Seicento, grazie al cannocchiale di Galileo, che scrutava il cielo a poche decine di chilometri a nord della città estense – dal giardino della sua casa di Padova –  mentre la toponomastica lunare, ancora oggi ampiamente in uso, è stata inventata, un decennio dopo la morte di Galileo, dallo stellatese Giovanni Battista Riccioli, quando insegnava nel collegio gesuitico di Bologna, quindi a  poche decine di chilometri a sud dalla sua città d’origine.

10,15 – Saluto del sindaco di Bondeno Fabio Bergamini

  • 10,30 – Giambattista Riccioli e i sistemi del mondo, Maria Teresa Borgato, Università di Ferrara
  • 11,20 – Le origini del telescopio: da Hans Lippehey a Galileo, Giorgio Strano, Museo Galileo, Firenze
  • 12,10  – Galileo e gli inizi della selenografia scientifica, Alberto Righini, Università di Firenze

13:00Pausa

  • 15,00Nec Homines Lunam Incolunt: Selenography and Extraterrestrial Life in the Scientific Revolution, Ivano Dal Prete, Yale University
  • 15,50I nomi della Luna. Riccioli astronomo e la storia della selenografia, Claudio Marazzini, Presidente dell’Accademia della Crusca
  • 16,40Riccioli e Grimaldi e la scienza dei gesuiti nel Seicento, Ivana Gambaro, Università di Genova