Una giornata al mare

Giornata da codice rosso, domenica, ai Lidi ferraresi, fra traffico bloccato e annegamenti. Un 24enne di Ostiglia ha perso la vita in mare, e a Lido degli Estensi due coniugi di Novi sono stati salvati in extremis.

Il caso più grave è avvenuto nel pomeriggio, dopo le 17, a Lido di Spina. E’ morto un giovane di 24 anni, Mohammed El Bahlouli, di Ostiglia, nel Mantovano, che stava facendo il bagno con degli amici nel tratto di mare davanti alla spiaggia libera.

Si è allontanato molto, hanno raccontato  gli amici, che a un certo punto non lo hanno visto più. E’ stato trovato poco dopo in fin di vita sulla spiaggia: probabilmente ha avuto un malore mentre era in acqua, poi è riuscito a raggiungere la battigia con le ultime forze residue.
E’ stato chiesto l’intervento dei soccorritori che hanno fatto di tutto per rianimarlo, ma per il 24enne non c’è stato nulla da fare;. è spirato all’ospedale del Delta.

A Lido degli Estensi, invece, due coniugi di Novi sono stati salvati in extremis. Poco dopo le 8 del mattino il titolare del bagno Italia ha sentito le urla di aiuto di una bambina. Era la figlia della coppia che chiedeva aiuto: il padre, un 51enne di origine cinese, aveva avuto un malore e stava annegando in mare, la madre stava disperatamente tentando di tenergli su la testa. Il titolare del bagno non ha perso tempo e si è gettato in acqua per salvarli e, a fatica, portarli a riva. Nel frattempo sono arrivati i soccorritori. Preoccupanti le condizioni dell’uomo, che è stato portato in elisoccorso fino all’ospedale di Cona.

Ricostruito l’avvenuto, pare che il 51enne fosse caduto in una buca mente passeggiava nell’acqua bassa con la moglie. Un pericolo spesso sottovalutato.

Soccorsi necessari anche per una bambina di 4 anni che ha avuto un colpo di sole. La piccola stava giocando nella spiaggia libera di Lido degli Estensi quando, attorno alle ore 15, ha dato segnali di malore. La madre ha raggiunto lo stabilimento più vicino per chiedere aiuto, e l’ambulanza è arrivata subito, prestando i primi soccorsi che hanno presto aiutato la piccola a riprendersi. E’ stata comunque portata all’ospedale di Cona per accertamenti.
Il traffico
A parte i soliti rallentamenti della domenica, problemi seri di traffico ci sono stati in mattinata. Attorno alle ore 9.30 sulla Ferrara-Mare, vicino all’uscita Corte Centrale, c’è stato un maxi tamponamento che ha coinvolto otto automobili che erano dirette alle spiagge. Sette i feriti, di cui quattro di media gravità. Disagi per chi è rimasto bloccato in coda diverse tempo, soprattutto per via delle alte temperature. Polizia Stradale  e 118 hanno monitorato la situazione portato via in ambulanza i cinque bambini che erano sulle auto ferme. La situazione si è normalizzata solo dopo le 11.

The post Giornata da codice rosso ai Lidi ferraresi, fra traffico bloccato e annegamenti appeared first on SulPanaro | News.

Incidente ferroviario

SAN FELICE SUL PANARO – E’bloccato il traffico ferroviario sulla Bologna-Verona, in particolare fra Poggio Rusco (Mantova) e San Felice sul Panaro (Modena), per un investimento mortale avvenuto poco dopo la stazione di Poggio Rusco, sul quale sta indagando l’autorità giudiziaria. L’incidente ha coinvolto, verso le 10.30 un treno di Tper diretto verso Bologna.

È in corso la riprogrammazione dei treni, con cancellazioni e deviazioni. Sono stati attivati degli autobus sostitutivi fra Crevalcore (Bologna) e Poggio Rusco. Ferrovie sta dando tutta l’assistenza possibile e le informazioni ai viaggiatori. La riorganizzazione dei treni è stata ulteriormente complicata dal fatto che sulla Bologna-Verona erano stati deviati alcuni treni della linea Verona-Brescia a causa di un altro investimento avvenuto a Desenzano del Garda (Brescia).

The post Treni bloccati tra Poggio Rusco e San Felice appeared first on SulPanaro | News.

Itinerari ferraresi

Domenica 16 giugno alle ore 10.00

Evento Facebook

Nel Medioevo ferrarese – Esperienza urbana dalle origini della città, porto fluviale mediterraneo, all’affermazione estense. Una Ferrara insolita, bizantina e templare, libero comune e infine prima signoria italiana, che riscopriremo a piedi attraversando i luoghi della storia mediovale ferrarese.

Appuntamento davanti al Portale Maggiore della Cattedrale alle ore 10.00 in Piazza della Cattedrale.

Durata circa due ore. Partecipazione: adulti euro 7, studenti euro 5. Minori anni 14 gratis. A cura di Alessandro Gulinati tel. 340-6494998 ale.gulinati@gmail.com

Domenica 16 Giugno alle ore 16.45

Evento Facebook

Necropolis!
Alla scoperta della Certosa di Ferrara con Alessandro Gulinati.

Un itinerario nelle arti e nella storia patria attraverso la straordinaria Chiesa di San Cristoforo, capolavoro del Rinascimento estense, il luogo di sepoltura del Duca Borso d’Este e quindi i principali monumenti e gli ambienti più suggestivi dell’ex Monastero della Certosa divenuto a partire dal 1811 Camposanto Monumentale della città di Ferrara.

Partecipazione rigorosamente ad offerta libera!

Non occorre la prenotazione! A cura di Alessandro Gulinati
tel. 340-6494998 ale.gulinati@gmail.com

Domenica 16 Giugno alle ore 21.00

Evento Facebook

Sex in the City – Itinerario nella storia della sessualità

L’originale Passeggiata Culturale conduce i partecipanti alla scoperta della più sensuale delle città dell’Emilia Romagna attraverso il centro storico medioevale e rinascimentale, dove parleremo di delitti passionali, amori travolgenti, malattie a trasmissione sessuale, poesia romantica e bordelli con l’aiuto delle parole di Ludovico Ariosto, Guido Piovene, Tinto Brass, Ludovico Antonio Muratori, Dianne Ghirardo, Alberto Savinio, Giorgio Bassani, Giuliana Berengan, Elena Bianchini Braglia e George Byron.  Partecipazione rigorosamente ad offerta libera!

Appuntamento e partenza ore 21.00

presso la libreria Eccelibro in via Saraceno, 32.

Partecipazione rigorosamente ad offerta libera!

Itinerario a cura di Alessandro Gulinati.
Tel. 340-6494998 email ale.gulinati@gmail.com

Passa il Giro d’Italia

Partito sabato 11 maggio da Bologna, dopo avere abbandonato domenica 12 l’Emilia-Romagna, il Giro d’Italia 2019 è rientrato in regione domenica 19 (tappa Riccione-San Marino) ed arriva in territorio modenese martedì 21, con la decima tappa Ravenna-Modena, mentre mercoledì 22 l’undicesima tappa partirà da Carpi per arrivare a Novi Ligure. Questo il percorso:

Martedì 21 maggio, decima tappa: Ravenna-Modena

Tappa completamente pianeggiante, che verosimilmente si chiuderà in volata. Si parte in Romagna alla mattina, e si arriverà nella Bassa dopo le quattro del pomeriggio: il gruppo passerà da San Giovanni in Persiceto (secondo la cronotabella – che riportiamo in basso –  fra le 16.10 e le 16.30) da via Fanin, per poi risalire verso Crevalcore sulla sp 568 ed entrare in territorio modenese nel comune di Ravarino (sp 568, passando da Stuffione), supererà poi il ponte sul Panaro a Camposanto per poi dirigersi sulla sp 2 Panaria attraversando le frazioni del comune di Bomporto (Solara, San Michele, Gorghetto, Villavara) per poi giungere a Modena attraversando via Nonantolana, via Menotti e concludersi in via Emilia Ovest, dopo un tratto in cui i ciclisti, poco prima del traguardo, pedaleranno sul pavé. Sulle strade della Bassa insomma il Giro è atteso fra le 16.30 e le 17.15. Per chi volesse gustarsi l’arrivo in città, verosimilmente la tappa si chiuderà fra le 17 e le 17.30, ma tutto dipenderà dall’andatura che il gruppo terrà.

Martedì il Giro arriva nella Bassa: ecco dove passerà e a che ora

Nessun dorma

In occasione della Notte bianca modenese “Nessun Dorma”, sabato 18 maggio è in programma l’apertura straordinaria dell’Acetaia presso il Palazzo Comunale.

L’ingresso è con visita guidata gratuita a cura dei maestri della Consorteria dell’Aceto balsamico tradizionale di Spilamberto.

L’Acetaia comunale si trova all’ultimo piano del Palazzo Comunale,  in Piazza Grande.
Per le visite il ritrovo è nel loggiato al 1° piano del Palazzo comunale.

Visite guidate

Dalle ore 20 alle 23, visite guidate, su prenotazione, ogni 30 minuti per un massimo di 20 persone a visita guidata, secondo la tabella oraria che segue:

20.00 – 20.30

20.30 – 21.00
21.00 – 21.30
21.30 – 22.00
22.00 – 22.30
22.30 – 23.00
23.00 – 23.30

Le prenotazioni si effettuano presso l’Ufficio Relazioni col Pubblico di Piazza Grande
, 17 – Modena – Tel 059/20312 – email:

Orari: lunedì e giovedì ore 9.00-18.30; martedì, mercoledì, venerdì e sabato ore 9.00-13.00

E’ obbligatorio comunicare i nominativi dei partecipanti, l’orario prescelto della visita e un recapito telefonico.

Per conoscere tutte le iniziative in occasione del “Nessun Dorma”consulta il PROGRAMMA ONLINE

Interno verde

Interno Verde è la manifestazione che consente di visitare i più belli e suggestivi giardini privati del centro storico di Ferrara, isole segrete ricche di memoria e ricordi, attraverso i quali è possibile leggere la storia, i cambiamenti e i vissuti della città, con tante iniziative
Immagine dell'evento

Due giorni dedicati ai curiosi, a quelli che davanti a un portone chiuso iniziano a sognare i giardini che non possono vedere. Interno Verde è la manifestazione che ogni anno rende possibile visitare i più suggestivi e curiosi giardini privati del centro storico di Ferrara, isole segrete ricche di memoria e ricordi, attraverso i quali è possibile leggere la storia, i cambiamenti e i vissuti della città.

La quarta edizione del festival comprenderà una selezione dei giardini aperti negli anni passati e tanti spazi inediti, che per la prima volta saranno aperti al pubblico.

Programma

Tema dell’anno sarà l’amore, in tutte le sue forme e declinazioni.
Ilturco, l’associazione che ha ideato e cura l’evento, farà del suo meglio per accogliere con un pizzico di romanticismo le persone che si vogliono bene e offrire a chi cerca l’anima gemella – con la spontaneità e la leggerezza che sempre lo contraddistingue – l’opportunità di divertirsi e mettersi in gioco. Arricchirà l’iniziativa un fitto calendario di eventi a tema: concerti, escursioni fluviali, visite guidate, laboratori per adulti e per bambini, mostre fotografiche, letture e incontri.
Per il programma consultare sul sito internoverde.it

 

Grazie alla collaborazione dell’Aeroclub Ferrara e del Gruppo Volo di Aguscello saranno coinvolti entrambi gli aeroporti cittadini. Si potrà quindi sorvolare il meraviglioso disegno del centro storico, con partenza dall’Aeroporto Ferrara – San Luca, in via Aeroporto 120, oppure prenotare la propria gita tra le nuvole per scoprire la vastità della campagna che circonda la città attraversata dai fiumi e dai canali, punteggiata di ville e delizie estensi, decollando dall’Aeroporto Prati Vecchi di Aguscello, immerso nella campagna dell’omonima località in via Prato delle Donne 16. La scelta di avere due punti di partenza e due diversi itinerari è dettata dal fatto che nel 2019 Interno Verde sperimenterà per la prima volta un itinerario esterno alle Mura Estensi, che comprenderà luoghi di grande fascino come Palazzo Tassoni Estense a Pontegradella, chiamato comunemente Villa delle Statue, Villa Ilaria a Baura, già Palazzo Ravalli, Villa Chersoni a Codrea, Villa Camaioli, Villa Capri, Villa Imola e Villa Indelli a Quartesana.

Per prenotare il volo sulla città, di circa 15 minuti, scrivere a internoverde@aecferrara.it.

Per prenotare il volo sulla campagna, di circa 20 minuti, scrivere a gva.scuola@aeroportoaguscello.it.

 

Il contributo richiesto a titolo di rimborso spese è rispettivamente di 50 euro a persona per la città e 60 per la campagna, comprensivo di assicurazione. La registrazione avverrà all’aeroporto.

Cispadana

FINALE EMILIA – Lunedì prossimo 15 aprile alle 21,00 presso la Sala Consigliare di Finale Emilia (MEF) si terrà un incontro con i cittadini promosso dal Coordinamento cispadano NO autostrada – SI’ strada a scorrimento veloce che vuole dare utili strumenti di conoscenza agli stessi cittadini per capire la situazione in atto attorno alla vicenda Cispadana, alla luce degli eventi di questi ultimi mesi ed in relazione alle difficoltà finanziarie della Società ARC che dovrebbe realizzare e gestire la nuova autostrada e la Regione Emilia Romagna. Delle difficoltà tecniche legate ad un progetto superato nei tempi e nel contesto trasportistico nazionale, europeo e internazionale, di fronte anche agli sviluppi della Concessione A22.
Ancora una volta – si legge in una nota – lo deve fare il Coordinamento mentre gli ambienti politici legati alla maggioranza e al centro-destra presenti nell’Assemblea regionale sono incapaci di risolvere un problema creato dalla insulsa decisione che nel 2006 portò ad abbandonare il progetto di Strada a scorrimento veloce che avrebbe permesso in breve tempo, e spreco di denaro pubblico, di realizzare i tratti mancanti e completare una infrastruttura di cui il territorio ha fortemente bisogno e che avrebbero definitivamente risolto, come si farà del resto prossimamente da Reggiolo a Parma, il problema oltre 10 anni fa.

https://www.sulpanaro.net/2019/04/balle-spaziali-sulla-cispadana-un-incontro-finale-emilia/

Rivogliamo i Vespasiani

Dovrà pagare una sanzione di 3.333 euro uno studente 19enne di origine messicana, sorpreso la scorsa notte a fare i propri bisogni per strada nella zona universitaria di Bologna. Il giovane è stato visto da una pattuglia dei carabinieri in vicolo Facchini. Da quando la normativa è cambiata, compiere atti contrari alla pubblica decenza di questo tipo non è più punito con una denuncia, ma con una multa ‘salata’ che può raggiungere i 10.000 euro. (ANSA)

The post Fa la pipì per strada, multa di 3.300 euro a un 19enne appeared first on SulPanaro | News.

BOLOGNA – La zona universitaria di Bologna, finalmente, ha i suoi bagni pubblici: i due vespasiani donati dal trust “Ad hoc” finanziato da Paola Pavirani (inaugurati oggi ma già in funzione) e i servizi igienici allestiti dal Comune in piazza Verdi nei locali concessi dall’Università (aperti da oggi con una gestione temporanea in capo all’amministrazione, dopo che il bando è andato deserto). I due vespasiani “di terza generazione“, progettati da Roberto Maci, sono in via del Guasto e in largo Respighi: il primo, per uomini, è costituito da una canalina di scolo riparata da una lastra d’acciaio; il secondo, per donne, è invece una struttura chiusa accessibile anche ai disabili. I due vespasiani (saranno puliti tre volte al giorno e con costanti report sulla situazione) sono costati 45.000 euro a cui aggiungere 5.000 euro per la costituzione del trust.

http://www.dire.it/16-12-2015/29516-bologna-ecco-i-wc-in-piazza-verdi-vespasiani-di-3-generazione/

Cantieri paralleli

Tornano ora visibili al pubblico le opere di Gentile da Fabriano, Mantegna, Cosmè Tura, ed Ercole de’ Roberti, in un percorso espositivo che condurrà il visitatore attraverso le vicende della pittura ferrarese dal Trecento al Settecento. Un esaustivo sistema di apparati informativi, fra cui ricostruzioni grafiche di complessi dispersi, suggerirà una nuova lettura della storia collezionistica, della funzione originaria e dell’evoluzione di tipologie di opere come la pala d’altare. Nuova attenzione sarà dedicata anche alla pittura del Seicento e del Settecento, cui sono riservate quattro sale, che andranno ad aggiungersi a quella dedicata alle grandi tele di Scarsellino e Bononi inaugurata nell’autunno del 2016.
La fruizione del pubblico sarà notevolmente migliorata grazie a moderni impianti di climatizzazione, illuminazione e sicurezza, che garantiscono ora in tutte le sale del museo, così come nei depositi, il rispetto degli standard internazionali di conservazione delle opere. Una nuova articolazione degli spazi e colori alle pareti permetteranno una presentazione più chiara ed esteticamente gradevole dei dipinti.
I lavori di riallestimento hanno coinvolto una nuova sala dedicata allo studiolo di Belfiore. In questa sede, dal 13 dicembre 2018 al 22 aprile 2019, si terrà la mostraCantieri paralleli. Lo studiolo di Belfiore e la Bibbia di Borso. 1447-1463, a cura di Marcello Toffanello, che accoglierà due ospiti di eccezione: da un lato, la tavola raffigurante la musa Polimnia, proveniente della Gemäldegalerie di Berlino, che si riunisce all’Erato e all’Urania di Palazzo dei Diamanti con cui formava parte della decorazione pittorica di questo ambiente voluto per la prima volta da Leonello d’Este a metà del Quattrocento come luogo dedicato alla meditazione e ai piaceri intellettuali.
L’esposizione offrirà inoltre l’imperdibile occasione di ammirare a fianco dei dipinti dell’Officina ferrarese, un capolavoro che appartiene al patrimonio storico e artistico della città, ora conservato alla Biblioteca Estense di Modena. Si tratta della Bibbia di Borso d’Este la cui illustrazione, realizzata da un’équipe di miniatori guidata da Taddeo Crivelli e Franco dei Russi, ha costituito l’altro cantiere artistico nel quale, in quegli stessi anni, è stato forgiato lo stile della scuola ferrarese del Rinascimento.
Una selezione di medaglie rinascimentali, monete e gemme antiche provenienti dalle raccolte della Galleria Estense di Modena ricorderà come lo studiolo fosse anche luogo dedicato all’accumulo e all’esposizione delle prime collezioni umanistiche. Infine, due touch screen permetteranno ai visitatori di sfogliare virtualmente le pagine della preziosa Bibbia e di visitare lo studiolo ammirando e interrogando le misteriose muse che lo abitavano.