Fabio Concato al Teatro Nuovo

concatohttps://www.teatronuovoferrara.com/index.php/spettacoli-teatro/stagione-spettacoli-2019-2020/85-teatro-eventi-ospitati/458-fabio-concato-in-concerto

Musica a Marfisa d’Este

La rassegna Musica a Marfisa (corso Giovecca 170) è organizzata dal Circolo culturale Amici della musica “G. Frescobaldi” di Ferrara in collaborazione con Fondazione Teatro Comunale di Ferrara – Città Teatro, Direzione Musei Civici di Arte Antica, Assessorato alle Politiche e Istituzioni Culturali del Comune di Ferrara.

I proventi derivati dagli incassi saranno devoluti all’Associazione Malattia Alzheimer di Ferrara http://www.amaferrara.it

> Mercoledì 24
50°ANNIVERSARIO DELL’UOMO SULLA LUNA
Elena Sonco – Jacques Lazzari pianoforte e Gruppo di Lettura Espressiva
> Giovedì 25
I FAMOSI ANNI TRENTA, DAL TRIO LESCANO AL QUARTETTO CETRA
Sandra Mongardi mezzosoprano con cantanti, ballerini e attori
> Venerdì 26
DAGLI APPENNINI AGLI APPALACHI
Gruppo Fourgrass voce, chitarra, mandolino, banjo, squareneck e basso
> Sabato 27
VENICE HARP DUO
Ilaria Bergamin – Eleonora Volpato arpe
Bach, musiche celtiche e arie d’Opera
> Domenica 28
OUT OF NOISE
Barbara Felisatti voce
Marco Scabbia chitarra
evergreen di Mina e Lucio Battisti
> Martedì 30
MATTEO CARDELLI pianoforte
Mozart, Beethoven, Schumann
> Mercoledì 31
ITALIANI ALL’OPERA E FRANCESI DA SALOTTO
Paola Amoroso soprano  – Nicola Badolato pianoforte

EIRE, la festa

Dal Bundan Celtic Festival ad “Eire, la festa dei suoni d’Irlanda” il passaggio può essere breve: melodie irlandesi, colori smeraldo in sostituzione delle ricostruzioni storiche e tanti angoli del centro storico in cui animare vie e piazze con suoni caratteristici, che da qualche anno è possibile ascoltare anche mentre si sorseggia un aperitivo o si consuma una cena al ristorante. La formula di “Eire, la festa dei suoni d’Irlanda”, in programma tra meno di un mese (dal 23 al 25 agosto) alla fine è anche questa. «Il nostro obiettivo rimane quello di dare spazio alla cultura musicale di un paese che ormai ha un rapporto pluriennale con il nostro territorio, ma creando anche un indotto per le nostre attività ristorative e commerciali», osserva il vicesindaco con delega alla promozione del territorio, Simone Saletti. L’edizione 2018 della rassegna dedicata alle musiche dell’Isola di Smeraldo sarà dedicata ad Eamonn Campbell. Leggendaria figura dei Dubliners, che a Bondeno furono protagonisti di un memorabile concerto nel 2013, e scomparso lo scorso ottobre. «La moglie Niamh, accompagnata dalla figlia Ciara, tornerà a Bondeno per rafforzare il significato di questa celebrazione – avverte l’organizzazione di “Eire!” dalla propria pagina internet ufficiale –. Declan Paddyman O’Sullivan, in due diversi spettacoli e in una singing session, ne percorrerà la storia musicale, umana ed artistica. E’ il nostro modo per ricordare Eamonn in tutto quello che ci ha regalato, prima ancora di conoscerlo personalmente, attraverso la sua musica». Concerti previsti nelle tre serate del festival in piazza Costa e in piazza Garibaldi, mentre diverse attività del centro ospiteranno le session, mentre non mancheranno intrattenimenti culturali e ballate di gruppo. Giovedì 23 agosto (ore 21,30) Stellata ospiterà il concerto di inaugurazione di John McSherry w/the hidden note, dopo la cena di beneficenza che sarà organizzata nel piccolo borgo, al prezzo di 15 euro (per prenotazioni e info: info@eirelafesta.com).

Quando la banda passò

Ritorna a Modena il Festival “Quando la banda passò… – World Bands Challenge” dedicato all’arte della “Marching Music”, che nel 2018 è all’edizione numero 25. Dal 5 all’8 luglio, infatti, tornano a riempirsi dei colori e delle note festose delle bande musicali in marcia, vie, piazze e altri spazi di Modena e provincia, tra cui lo Stadio di San felice venerdì 6 alle 19, e il Campo scuola di via Piazza, stadio dell’Atletica modenese, che ospiterà il grande challenge show finale in programma domenica 8 luglio dalle 21. Tutto avrà invece inizio in un’altra location prestigiosa a livello internazionale come il Mef Museo Enzo Ferrari di Modena giovedì 5 luglio alle 18, con l’esibizione originale di “Spirit of 52”, showband tedesca.

L’iniziativa è stata presentata mercoledì 4 luglio a Palazzo Comunale a Modena da Gianpietro Cavazza, vicesindaco e assessore alla Cultura di Modena e da Agostino Molinari, dell’associazione organizzatrice “Music in Motion – Roncaglia’s Band”.

“A pochi giorni dalla Festa della Musica e dalla Notte gialla rock, Modena torna a ospitare un’altra manifestazione gioiosa – ha detto Cavazza – che animerà il centro e non solo, dando spazio a colori, marce e note e favorendo, in un genere tradizionale e innovativo insieme, l’incontro dei giovani con la musica e con le nostre bande”.

All’edizione 2018 di “Quando la banda passò… – World Bands Challenge” sono attesi almeno 6 gruppi nazionali e internazionali (anche da Olanda, Germania e Belgio) e oltre 400 musicisti e “color guards” pronti alla sfida a colpi di fiati, percussioni, caroselli spettacolari e coreografie in stile “marching show band” e “drum corps”. Il Festival, infatti, come di consueto, non è solo rassegna ma anche “challenge”, vero e proprio torneo con giuria tecnica internazionale chiamata a esprimersi col pubblico, valutare le migliori performance e proclamare i vincitori.

Il festival è promosso e organizzato dall’associazione “Music in Motion – Roncaglia’s Band” in collaborazione e con il sostegno del Comune di Modena, del Comune di San Felice sul Panaro con altri comuni della Provincia, della Regione Emilia-Romagna, della Fondazione Cassa di risparmio di Mirandola, della Fondazione Cassa di risparmio di Modena e di sponsor del territorio, tra i quali BPER Banca, Sanfelice1893, Galliera Costruzioni, BGP. Coinvolte anche la società di promozione del centro storico di Modena “Modenamoremio”, la Banda Cittadina di Modena “Andrea Ferri” e la Società sportiva “La Fratellanza”.

“Quando la banda passò…” si svilupperà con esibizioni musicali e parate per tutto il weekend, a partire da giovedì 5 luglio alle 18 con un’inedita performance della showband tedesca “Spirit of 52” al Museo Casa Enzo Ferrari (Mef) in via Paolo Ferrari a Modena. Il programma prosegue con lo show di anteprima a San Felice sul Panaro venerdì 6 luglio, per concludersi a Modena domenica 8 luglio con un doppio appuntamento: in centro la parata pomeridiana alle 17.30 in collaborazione con Modenamoremio, e alle 21 al Campo scuola d’Atletica in via Piazza con l’entusiasmante show finale (ingresso a pagamento: prevendita a Modenamoremio, via Scudari12, tel. 059 212714; oppure domenica 8 direttamente al Campo scuola). Qui tutti i gruppi si contenderanno il World Bands Challenge 2018 e il pubblico, oltre ad assistere allo spettacolo e decretare insieme alla giuria internazionale la banda vincitrice del torneo, potrà accedere fin dalle ore 19 all’area gastronomica con le tipicità del territorio (borlenghi e tigelle). Per festeggiare la 25esima edizione del festival sarà a disposizione degli appassionati anche lo speciale annullo filatelico di Poste Italiane.

L’evento, anche quest’anno, sarà dedicato al sostegno delle attività musicali nelle scuole del territorio promosse dal Festival, come l’esperienza dei “Marching Kids” della Scuola Primaria di San Felice sul Panaro (primo esempio di “marching band scolastica” in Emilia-Romagna) e dei performing groups “Red Planet Drum Line” e “Blue Stars Majorettes Color Guards”. In questi progett, negli ultimi anni sono già stati coinvolti oltre 250 allievi. Altra importante “conferma” dell’edizione 2018 del Festival sarà l’esibizione di “Modena in Motion”, formazione “stile marching band” nata per rappresentare il Festival in collaborazione con la Banda Cittadina “Ferri” e decine di giovani strumentisti di Modena e delle province limitrofe.

Oltre alle nuove realtà musicali del territorio e a prestigiosi gruppi internazionali come la Showband Takostu Stiens (Olanda), Campione del Mondo di parata in carica, la Showband “Spirit of 52” (Germania) e la Calypso Zwevegem (Belgio) finaliste ai recenti Campionati Europei, sfileranno in parata e si sfideranno al “Challenge” anche le migliori formazioni italiane con anche Sbandieratori e Cornamusa… con gli organizzatori che promettono altre sorprese.

Informazioni: Music in Motion – Roncaglia’s Band web/Fb/Tw marchingfest.com –

tel 338 6925151. Pagina fb: https://www.facebook.com/events/605452619821982/

The post “Quando la banda passò”, è temp di Marching Fest appeared first on SulPanaro | News.

Un fiume di musica

 

Nell’ambito di Un Fiume di Musica:
Giovedì 21 e venerdì  22 Giugno, nel tratto di darsena di fronte Palazzo Savonuzzi, si svolgerà: GYPSY GUITAR la chitarra di Mario Maccaferri nel Jazz Manouche di Django Reinhardt.
Per rendere omaggio a Mario Maccaferri (1900 – 1993), originario di Cento, personaggio eclettico (musicista, liutaio, industriale) ed inventore che da liutaio ha creato nel 1932 ca., in collaborazione con la ditta Selmer di Parigi, un modello di chitarra conosciuto dalla gran parte dei chitarristi nel mondo.
Tramite il jazzista Django Reinhardt, musicista e compositore gitano (manouche), che scelse la chitarra Selmer-Maccaferri per le proprie esecuzioni concertistiche, già dagli anni ’30 questo modello di chitarra divenne ed attualmente lo è più che mai, un simbolo per chi esegue musiche manouche.
Un settore musicale che si sta ampliando sempre di più nel nostro paese, con  musicisti che studiano ed eseguono musiche gyspy e con liutai che costruiscono copie del modello Maccaferri – Selmer. http://www.festivaldjangoreinhardt.com
>Giovedi 21 giugno: Gypsy Guitar: DJAMBOLULU TRIO
Maurizio Geri chitarra e voce, Jacopo Martini chitarra, Nicola Vernuccio contrabbasso
>Venerdì 22 giugno: Gypsy Guitar: ANTOINE BOYER
Antoine Boyer chitarra, Tolga During chitarra, Giuseppe Dimonte contrabbasso
in entrambi i giorni imbarco sul battello Nena per una breve gita sul fiume Volano accompagnata dal gruppo NenaManouche partendo dalla Darsena-Palazzo Savonuzzi  (posti limitati)
dalle ore 17,00 alle 24,00 venerdì 22 sala Wunderkammer mostra chitarre Gypsy
Un Fiume di Musica Foods: offerta enogastronomica coordinata da Ferrara Rooms, accoglienza e benessere a Ferrara.

 

http://www.consorziowunderkammer.orgContatti AMF – Scuola di Musica Moderna – Via Darsena 57 – Ferrara
tel. Tel. 0532 464661
amfscuoladimusica@fastwebnet.itOrari: Nei mesi di giugno e luglio ogni giovedì sera, a partire dalle 19.00.Tutte le serate sono ad ingresso libero.

 

Casa della Musica

Bondeno avrà presto la sua nuova “Casa della musica”. Comincerà infatti con questo omaggio allo scomparso Daniele Pisa il lavoro in ambito culturale e di promozione dell’attività dei giovani del Comune e del centro culturale fondato dallo stesso Pisa. Lo scorso 18 ottobre, il Comune e il centro culturale Auxing svolsero un incontro di programmazione, per cercare di impostare il futuro della scuola di musica e delle attività culturali presenti al suo interno, allo scopo di non disperdere (ma anzi di valorizzare) il lavoro cominciato dal compianto direttore del centro culturale.

In cosa consisterà la nuova “Casa della musica” di Bondeno? Innanzitutto nella riqualificazione dell’ex istituto Einaudi, che ospiterà un complesso che sarà parte di un unico grande polo, assieme al vicino a Spazio 29 e alla biblioteca “L. Meletti”. I ragazzi troveranno qui un’offerta qualificata di servizi, sale musica, biblioteche, spazi in cui studiare, ed anche un luogo dinamico come il centro Auxing, che tornerà così nel centro di Bondeno. Come quando si trovava in viale Mazzini, fino agli anni ‘90.Nella “Casa della musica”, che sarà una sorta di gigantesco “campus”, naturalmente, continueranno anche le numerose attività che Pisa aveva avviato in via per Zerbinate, durante gli ultimi anni: corsi di lingue, digital mixing, laboratori artistici, mostre mensili di autori brillanti del territorio. Mentre a Spazio 29 si terranno attività post-scolastiche, come l’assistenza ai compiti, proiezioni, attività sportive nel campetto da basket, altre ludiche e culturali per ragazzi di tutte le età, senza contare i laboratori (come Bimbi Chef) e momenti distensivi negli spazi giochi. L’intenzione alla base del progetto è quella di incentivare le sinergie, per una promozione delle attività culturali sul territorio. Il rendere Auxing, Spazio 29 e biblioteca realtà vicine costituisce un passo importante in questa direzione, con un’offerta che sarà modulabile anche per le esigenze di chi, a qualsiasi età, vorrà avvicinarsi al mondo della musica, delle arti pittoriche e di ogni forma culturale.

Erika Chillemi

http://comunebondenofe.it/1999-la-nuova-casa-della-muisca

Musicanti

25 novembre 2017   dalle 10 alle 19

Palazzo Paradiso, Via delle Scienze 17 –  Ferrara
Musicanti!

L’evento nasce a seguito della recente acquisizione da parte dell’Archivio Storico Comunale di un consistente nucleo di documentazione d’interesse storico-musicale: l’Associazione MusiJam (emanazione della disciolta Banda cittadina “F. Musi”) e la Filarmonica G. Verdi di Cona, vi hanno infatti trasferito la parte più antica dei rispettivi archivi musicali. Circa 40 metri lineari di antichi faldoni sono così approdati nell’Archivio di via Giuoco del pallone, per costituirvi uno speciale Fondo dedicato alla Musica di Ferrara tra Otto e Novecento. I faldoni contengono gli spartiti musicali scritti per i complessi bandistici cittadini che, nell’arco di due secoli, hanno divulgato in città il grande repertorio artistico italiano ed europeo. Gli autori, infatti, presenti in archivio, sono quelli dei grandi operisti italiani (Verdi, Rossini, Bellini, Donizetti, Puccini, Mascagni etc. ), di musicisti francesi (Bizet, Gounod, Massenet etc.) e austro-tedeschi (Mozart, Beethoven, Strauss, Meyerbeer, Wagner etc.), proposti nelle trascrizioni dei Direttori che, di tempo in tempo, guidarono le Bande cittadine: Benone, Finotti, Giori, Mariani, Vaccari, per non dire di Pellegrino Neri e di Francesco Musi. La documentazione è alla base di un progetto di conservazione e di valorizzazione delle fonti musicali antiche di Ferrara che trova dunque nell’Archivio Storico Comunale un importante punto di riferimento dedicato alla Musica dell’Otto-Novecento. 

– Programma –

Ore 10 Saluti e apertura lavori
Massimo Maisto, Vicesindaco e Assessore alle Istituzioni culturali del Comune di Ferrara
Marcella Zappaterra, Consigliere della Regione Emilia-Romagna
Francesco Colaiacovo, Presidente del Conservatorio Statale di Musica “G.Frescobaldi”, Ferrara

Sessione mattutina
La banda, funzione civile e patrimonio culturale
Presiede Loretta Vancini, Soprintendenza Archivistica e Bibliografica dell’Emilia-Romagna
Ore 10.30 Il progetto d’un Archivio ferrarese della musica: recupero, gestione e valorizzazione delle fonti musicali per banda.
Enrico Spinelli, Servizio Biblioteche e Archivi del Comune di Ferrara
Ore 11 Bande musicali e “bande da ballo” in Emilia e nel Ferrarese tra Otto e Novecento
Gian Paolo Borghi, storico ed etnomusicologo
Ore 11.30 Le bande “rurali” nel ferrarese dalla metà dell’Ottocento ad oggi: strutture, organici, repertori
Mario Gessi, musicista, già docente al Conservatorio di Musica “G. Frescobaldi”, Ferrara
Ore 12 Polvere e musica: storia e pratiche di recupero e riordino del fondo musicale della Banda cittadina di Carpi.
Eleonora Zanasi, Archivio Storico Comunale di Carpi.
Ore 12.30 Trasferimento presso l’Archivio Storico Comunale per la visita guidata alla Mostra “Trombe, tromboni e…grancassa. Le bande musicali, civili e militari nella documentazione dell’Archivio Storico Comunale”. Allestimento e catalogo a cura di Enrico Trevisani, Archivio Storico Comunale di Ferrara
Ore 13.30 Sospensione lavori

Ore 15.15 Ripresa lavori

Sessione pomeridiana
Archivi e fondi musicali bandistici, esperienze a confronto
Presiede Brunella Argelli, IBC – Regione Emilia-Romagna
Ore 15.15 Il Fondo della Banda musicale di Venezia alla Biblioteca Civica di Mestre
Barbara Vanin, Biblioteca Civica di Mestre
Ore 15.45 Il Fondo Ceccherini alla Fondazione Ugo e Olga Levi di Venezia
Pasquale Spinelli, Fondazione Ugo e Olga Levi, Venezia
Ore 16.15 “La Banda”: rileggere criticamente la lezione di Alessandro Vessella
Igino Conforzi, musicista, docente del Conservatorio di Musica “Giovan Battista Martini”, Bologna
Ore 16.45 La banda musicale: ritualità popolari e immaginario mediatico fra Novecento e contemporaneità
Roberto Roda, etnografo, Centro Etnografico Ferrarese con Emiliano Rinaldi, studioso di cultura mass-mediatica
Ore 17.15 Suonare nella banda per studiare le feste popolari. Un’occasione di partecipante osservazione. Una testimonianza di Elettra Irene Borchi, antropologa
Ore 17.25 “Viva la banda”, lettura di una testimonianza inedita del musicista Paolo Fresu
Mirna Bonazza, Archivio Storico Comunale, Ferrara
Ore 17.40 Dibattito
Ore 18 Esibizione della Filarmonica “G. Verdi” di Cona

La giornata di studi “Musicanti! le bande marciano in archivio” è stata promossa e organizzata da Comune di Ferrara; Assessorato alle Istituzioni e Politiche Culturali; Servizio Biblioteche e Archivi; Archivio Storico Comunale, Biblioteca Comunale Ariostea; Centro Etnografico Ferrarese

Adesioni e collaborazioni
Ministero dei Beni e delle Attività Culturali – Soprintendenza Archivistica e Bibliografica dell’Emilia-Romagna; Regione Emilia-Romagna – IBC, Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna; Università degli Studi di Ferrara – Dipartimento Studi Umanistici; Comune di Carpi – Archivio Storico Comunale; Comune di Venezia – Biblioteca Civica di Mestre, Conservatorio Statale di Musica “G. Frescobaldi”, Ferrara, Fondazione Teatro Comunale “Claudio Abbado” di Ferrara; Fondazione Ugo e Olga Levi, Venezia; Accademia Corale Vittore Veneziani, Ferrara; Associazione Amici della Biblioteca Ariostea, Ferrara; Associazione culturale “Astor Piazzolla”, Pesaro; Deputazione Provinciale Ferrarese di Storia Patria; Banda Filarmonica Comunale “Ludovico Ariosto”, Ferrara, Filarmonica “G.Verdi” di Cona; Libreria Musicale Ut Orpheus, Bologna; MusiJam. Associazione culturale, Ferrara

Si ringraziano quanti, a vario titolo, hanno collaborato alla realizzazione dell’iniziativa e in particolare: Rosi e Hugo Aisemberg, Magda Botti, Giorgio Busetto, Dario Favretti, Giuliano Gallerani, Silvana Garutti, Rosanna Lazzari, Antonello Lombardi, Marco Mangani, Corinna Mezzetti, Beatrice Morsiani, Fausto Natali, Alice Olivieri, Sauro Strozzi, Maria Cristina Turchi.

Segreteria organizzativa:
Archivio Storico Comunale tel. 0532 418246
Info: e.trevisani@edu.comune.fe.it

Programma Musicanti – Depliant scaricabile
musicanti_2017_depliant_light.pdf