Marcello Tassini

Annunci

Mostre a Modena

Presentate alla stampa le nuove mostre di FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE che inaugurano venerdì 14 settembre 2018 alle ore 18 in occasione di festivalfilosofia.

 


Jon Rafman. Il viaggiatore mentale
,

14 settembre 2018 – 24 febbraio 2019

A cura di Diana Baldon

Palazzina dei Giardini

Corso Cavour, 2 – Modena

 

Presentata da Fondazione Fotografia Modena insieme alla Galleria Civica di Modena, è la prima ampia personale dell’artista canadese in un’istituzione Italiana.

La mostra comprende una selezione di installazioni multimediali che ripercorrono la produzione di Rafman a partire dal 2011 ad oggi.

Servendosi di linguaggi e supporti diversi, che vanno dalla fotografia al video, dalla scultura all’installazione, Rafman indaga la fusione sempre più indistinta tra la realtà e la sua simulazione nella società contemporanea attraverso opere che confondono i confini tra il materiale e il virtuale, tra i corpi in carne e ossa e le loro repliche tecnologiche
Sabato 15 settembre alle ore 22.30 nel Chiostro di Palazzo Santa Margherita Jon Rafman dialogherà con Diana Baldon nell’ambito dell’incontro Antropologia di un mondo virtuale.

 

Download cartella stampa


Ryoichi Kurokawa. al-jabr (algebra)

14 settembre 2018 – 24 febbraio 2019

A cura di NODE – festival internazionale di musica elettronica e live media

Palazzo Santa Margherita

Corso Canalgrande, 103 – Modena

 

La mostra, prima personale in un’istituzione Italiana dell’artista giapponese, raccoglie negli spazi della Galleria Civica di Modena alcune tra le sue produzioni recenti più significative, attraverso un percorso multisensoriale caratterizzato da imponenti opere audiovisive, installazioni, sculture e stampe digitali.

Originario di Osaka ma residente a Berlino, Kurokawa descrive i suoi lavori come sculture “time-based”, ovvero un’arte fondata sullo scorrimento temporale, dove suono e immagine si uniscono in modo indivisibile. Sinfonie di suoni che, in combinazione con paesaggi digitali generati al computer, cambiano il modo in cui lo spettatore percepisce il reale.

 

Download cartella stampa


Vero o falso? Le figurine sotto la lente d’ingrandimento della scienza

14 settembre 2018 – 24 febbraio 2019

A cura di Pleiadi Emilia

Palazzo Santa Margherita

Corso Canalgrande, 103 – Modena

 

La mostra indaga il rapporto tra scienza e verità attraverso le collezioni del Museo della Figurina, conducendo il pubblico all’interno del laboratorio scientifico, luogo simbolo dell’obiettività e dell’attendibilità.

Il tema “vero o falso” è declinato in tre macro ambiti (medicina, alimentazione e ambiente), rivelando trucchi, illusioni ottiche e cinematografiche, ma anche le visioni oniriche di fine Ottocento, alcune delle quali si sono avverate determinando un importante progresso per l’intero genere umano.

 

Download cartella stampa


Gianfranco Baruchello. Doux comme saveur (A partire dal dolce) 

14 settembre – 4 novembre 2018

MATA – Ex Manifattura Tabacchi

Via Manifattura Tabacchi, 83 – Modena

 

La mostra, realizzata in collaborazione con il Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto e la Fondazione Baruchello di Roma, è composta da video proiettati per la prima volta dopo il recente restauro delle pellicole originali, parte di un progetto dell’artista sul sapore dolce, con interviste a filosofi, critici, poeti e artisti della cultura francese.

Sabato 15 settembre alle ore 18.30 l’artista Gianfranco Baruchello incontrerà il pubblico e discuterà il progetto con Carla Subrizi (Presidente della Fondazione Baruchello, Roma, e Professore Associato di Storia dell’arte contemporanea presso la Sapienza Università di Roma) e Gianfranco Maraniello (Direttore Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto).

 

Download cartella stampa

Ingresso libero a tutte le mostre nei giorni di festivalfilosofia:

venerdì 14 settembre, ore 9-23

sabato 15 settembre, ore 9-24

domenica 16 settembre, ore 9-21

Castello estense

 

Venerdì 31 Agosto
Ore 19.45:
Visita guidata alla “Collezione Cavallini Sgarbi per immergersi in un affascinante viaggio nella storia dell’arte italiana dalla fine del Quattrocento alla metà del Novecento.
Ore 19.45: Elisabetta Sgarbi ed Eugenio Lio incontrano il pubblico nelle stanze della Collezione Cavallini Sgarbi.
Ore 20.00: “Musica a Corte. Banchetti, danze, spettacoli teatrali”, visita animata  per bambini dai 5 agli 11 anni.
Ore 20.30: “Misteri e delitti a corte”, visita guidata tematica per rievocare gli episodi più controversi della storia estense.
Ore 21.00: Lungo il percorso espositivo della Collezione Cavallini Sgarbi, lo scrittore Marcello Simoni propone letture tratte dal suo saggio illustrato, dedicato all’abbazia di Pomposa.
Dalle ore 21.30 “Parisina” di George G. Byron. Performance tra teatro e poesia lungo il percorso del Castello Estense a cura di Ferrara Off.
Dalle 19.30 alle 23.00 è possibile partecipare alle escursioni in barca nel fossato del Castello
Durante la serata è aperta ad entrata libera la Caffetteria del Castello al Piano Nobile.

Url dell’eventohttp://www.castelloestense.itContattiFerrara – Castello Estense – Largo Castello
tel. 0532 299233
castelloestense@comune.fe.itOrari

Apertura Castello 19.30-23.30 (La biglietteria chiude alle 22.45).

Ingresso

Percorso museale esclusa ala sud e Camerini: intero 4 euro; ridotto 2 euro.
Percorso museale inclusa mostra Collezione Cavallini Sgarbi: intero 10 euro; ridotto 6 euro. Salita alla torre facoltativa: 2 euro. Iniziative a pagamento.

PER INFORMAZIONI TARIFFE E PRENOTAZIONI DELLE VISITE GUIDATE CONTATTARE LA BIGLIETTERIA DEL CASTELLO

 

Tutto vero

Tra le tante fake-news che si trovano su FB, ogni tanto si trova anche qualcosa di autentico:

La verità è che noi genitori del terzo millennio siamo pappamolla.
Questi figli li trattiamo con i guanti e abbiamo mille accorgimenti, neanche fossero statuette dei Thun.
E siamo troppo informati.
Se nostro figlio si sveglia con le pustoline di sudamina, andiamo su Google e cerchiamo “Puntini rossi sul corpo”.
178 malattie trovate, di cui 12 sindromi rare.
Tolto morbillo, rosolia e varicella che son vaccinati, sulle altre non resta altro che fare la conta.
“Ronaldo vieni qua, solleva la maglia che devo controllare se il tuo esantema corrisponde a quello di questa foto. CHe se è uguale dobbiamo correre dal dottor House”

Quando eravamo bambini noi e ci veniva un eritema, la soluzione era il sapone SOLE. Il pannetto da 300 grammi, quello giallo.
“Lavati con quello, che ti passa”
“Mamma ho un certo prurito intimo”
“Sapone Sole”
Herpes? Sapone Sole.
Dermatite? Sapone Sole.
Acne? Sapone Sole.
Oggi se i bambini cadono e si provocano un’abrasione, c’è il disinfettante che non brucia.
Quando ero bambina io, c’era l’acqua ossigenata che reagiva con il sangue, faceva una schiuma a forma di fungo di Hiroshima e bruciava, oh se bruciava! Ma non dovevi piangere, perchè era stata colpa tua e se piangevi, le prendevi.
Se ti spaccavi il labbro c’era lo zucchero e per le ecchimosi il burro. Se ti spaccavi il labbro, ti graffiavi lo zigomo e contemporaneamente ti usciva il bernoccolo, diventavi in pratica, una crostata umana. Alla marmellata di fragola.

Da bambini noi potevamo sporcarci, stavamo in strada tutto il giorno e ci lavavamo prima di andare a letto. Nella vasca da bagno restava la figura come la sindone.
Oggi i bambini non possono sporcarsi, devono stare attenti ai germi ma soprattutto alla maglietta di marca. Lavano le mani talmente tante volte che si stanno rimpicciolendo. Nel 2100 per evoluzione, avranno i polsi che terminano a pallina, come Doraemon.
I bambini oggi non si sporcano e non possono toccare nulla che non sia disinfettato. Noi mangiavamo l’acetosella pisciata dai gatti.
Se ci cadeva il pane in terra, la mamma lo buttava? No lo soffiava. Il famoso soffio ammazzabatteri. “Mangia, sono anticorpi”.
Oggi se cade il pane ad un bambino, parte l’urlo della foresta “NOOOOooooOOOOooooOOOOO!” Che al bambino si ferma il cuore e la crescita per 10 secondi.
“No Ronaldo, ora lo buttiamo perchè questo è cacca”
A occhio e croce mamma, è cacca pure quella che mi son fatto addosso quando hai urlato.

Oggi i bambini stanno tutti a dieta, dallo svezzamento alla patente. Quando eravamo bambini la mamma ci faceva l’uovo sbattuto con lo zucchero e lo spalmava sulla fetta di pane.
I bambini oggi hanno l’iguana come animale domestico, io avevo la gallina. Si chiamava Claus e faceva un uovo al giorno. Le davo da mangiare granturco e crusca. Mi piaceva così tanto darle da mangiare che era diventata un tacchino.
Oggi i bambini vanno sulla bici, sullo skateboard o sul monopattino con tutte le protezioni. Noi andavamo in giro sulla bici d’estate a petto nudo, maschi e femmine e frenavamo con le infradito di gomma.
Al mare ho messo il pezzo di sopra del costume a 13 anni per la prima volta.
“Mamma ma mi vergogno”
“Ma se non hai niente, vai che almeno ti abbronzi meglio”.
Oggi ci son bambine di 5 anni che non escono di casa se non son vestite come dicono loro.
Ogni tanto pure mia mamma mi vestiva bene. Era quando uscivamo dal paese, cioè per i matrimoni. Ai matrimoni mi annoiavo quanto ai funerali. Oggi fanno il menù bambino, l’animazione. Quando andavo ai matrimoni da bambina, non mangiavo nulla e stavo seduta al tavolo ore e ore senza fare nulla, con lo sguardo da malata. Oggi se vedi un bambino con quello sguardo gli chiedi subito se sta male, a cosa sta pensando, come mai è triste e gli prenoti la visita dal neuropsichiatra. All’epoca se stavi immobile a fissare il vuoto con uno sguardo da psicotico, eri bravo. Non ti chiedevano nulla ma per tutti eri proprio bravo.

Oggi se la maestra mette un 7 al bambino i genitori vanno subito a lamentarsi con lei che non ha messo un 10.
“Non capisco perchè Ronaldo ha preso 7!”
“E’ la maglia”
“Come?”
“No niente, signora, cerchi di capirmi è anche uno stimolo per il bambino a fare di più ed è ingiusto nei confronti di altri bambini che il 10 lo meritano davvero”
“Lei non capisce niente! Mio figlio è da 10 proprio come Francescototti Puddu! E io mi rivolgerò al ministero della pubblica istruzione, se ne pentirà”
Quando andavo a scuola io, la maestra era autorizzata non solo a mettere i voti che riteneva più opportuni, ma anche ad alzare la voce e rimproverarti se non ti comportavi bene.
Oggi i bambini si traumatizzano facilmente e nessuno dice loro che non hanno ragione, che le ansie non devono esistere. Anche io da bambina avevo ansie e paure, ma son sparite perchè nessuno dava loro da mangiare.

Perchè alla fine, non è che questi bambini devono sapere proprio tutto tutto. C’è tempo per le tragedie, la guerra, la morte, perchè è vero che capiscono, ma non metabolizzano e si lasciano sopraffare.
Io a mia mamma chiesi
“Mamma come sono nata?”
“Le due cellule si sono unite e hanno formato te”
“E dove erano le cellule?”
“Una mia e una di tuo padre”
“E dove si sono unite?”
“Nella mia pancia”
“E come c’è entrata quella di papà nella tua pancia?”
“Chiedilo a lui visto che era sua”

“Papà come ha fatto la tua cellula…”
“Andiamo a fare l’altalena nel cortile, non volevi l’altalena?”
“Sìììììììì altalenaaaaaaaa”
Fine. Risolto.
Papà aveva la 126 rossa. Poi ha preso la Seat Fura (che era una 127 ma spagnola) sempre rossa. In casa nostra aleggiava lo spirito di Berlinguer. La 126 aveva gli interni in plastica radioattiva e d’estate dovevano intervenire i vigili del fuoco per scollarti da lì. Le macchine con gli interni in pelle erano in origine con gli interni in plastica, poi la pelle ce la lasciavi tu.
Al mare si andava con il tavolino pieghevole, quello con le seggioline dentro, la pasta al sugo, le fettine impanate e l’anguria. Le seggioline erano capottabili, se non le piantavi bene nella sabbia ti ribaltavi all’indietro e con te volavano gnocchetti al sugo e fratello seduto di fianco, perchè ti ci aggrappavi e lo tiravi con te all’inferno.
Dopo il pranzo erano tassative le tre ore. Oggi è stata smentita questa leggenda della digestione, ma se c’era una certezza per mia mamma, non era stessa spiaggia stesso mare, non era la canzone dei Righeira al Festivalbar, erano le 3 ore prima del bagno.
“Mamma mi annoio, cosa faccio per tre ore?”
“Fai un buco”
“Mamma in tre ore di buco trovo le tombe etrusche”
“Se non la smetti lo fai tra 4 ore”
Allora andavo a camminare sulle rocce, con i sandaletti di plastica e la sera quando li toglievo potevo fare il sudoku sui piedi. Piedi a scacchi.
Oggi i bambini al mare son super accessoriati. Ne ho visto uno con la maglietta in tessuto tecnico, le scarpette da scoglio, la maschera da snorkeling, il coppo… mi son girata e ho detto a mio marito “Ma dove cazzo sta andando quello?”
E lui “Guarda che è tuo figlio”
“Ah”.
Ilaria Corona

Aperto per ferie

Modena

  • Mercoledì 15 agosto riaprono le sale espositive dei Musei civici al terzo piano di Palazzo dei Musei in largo Sant’Agostino, chiuse al pubblico dallo scorso 16 luglio per i periodici interventi di manutenzione e riordino delle collezioni. Il giorno di Ferragosto il museo sarà aperto dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. Sarà inoltre possibile visitare, su richiesta rivolgendosi all’infopoint al pianoterra, la Gipsoteca “Giuseppe Graziosi” che accoglie gessi originali, calchi, bozzetti in terracotta, bronzi, dipinti, opere grafiche e fotografie di Giuseppe Graziosi. Dalle 8 alle 19.30 sarà inoltre aperto il Lapidario Romano che espone monumenti funerari provenienti da diverse necropoli.
  • Nel sito Unesco di piazza Grande il 14 agosto la Torre Ghirlandina sarà visitabile dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 19, il 15 agosto a orario continuato dalle 9.30 alle 19 (ingresso solo torre 3 euro o biglietto unico sito Unesco a 6 euro per tutti i luoghi del sito).
  • Il Duomo è aperto dalle 7 alle 19. Le visite turistiche non sono possibili durante le funzioni religiose. Orari consultabili online (www.duomodimodena.it). Ingresso gratuito
  • I Musei del Duomo in via Lanfranco sono aperti martedì 14 e mercoledì 15 agosto dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.30 (ingresso 4 euro o compreso nel biglietto unico sito Unesco)
  • Le Sale storiche di Palazzo Comunale in piazza Grande sono visitabili martedì 14 agosto dalle 9 alle 19, il giorno di Ferragosto dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 19. L’ingresso è a pagamento solo il 15 agosto al pomeriggio (2 euro o 6 euro il biglietto unico sito Unesco). Nel palazzo è visitabile anche l’Acetaia comunale, accessibile con visita guidata, mercoledì 15 agosto alle 10.30, 11.30, 15.30, 16.30 (2 euro o 6 euro il biglietto unico sito Unesco). Il biglietto si acquista all’ufficio turistico Iat in piazza Grande 14
  • La Galleria Estense, a Palazzo dei Musei in largo Sant’Agostino, è visitabile martedì 14 agosto dalle 8.30 alle 19.30 e mercoledì 15 agosto dalle 14.30 alle 19.30 (ingresso 4 euro)
  • Alla Palazzina dei Giardini Ducali, in corso Canalgrande, mercoledì 15 agosto è visitabile, dalle 17 alle 23, la mostra Hadelita Husni-Bey. Adunanza (biglietto 6 euro)
  • Il Mef, Museo Enzo Ferrari, in via Paolo Ferrari, è aperto tutti i giorni, Ferragosto compreso, dalle 9.30 alle 19, con la mostra “Il rosso e il rosa” (musei.ferrari.com/it/modena)
  • La Casa Museo Luciano Pavarotti in stradello Nava 6, è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18 (ingresso 8 euro) www.casamuseolucianopavarotti.it

    Ferrara

  • Martedì 14 agosto
    FERRAGOSTO AL CASTELLO ESTENSE
    Ore 19.30: Visita guidata “Viaggio nell’arte ferrarese tra le opere della Collezione Cavallini Sgarbi”. Alle 21.00, al termine delle visita aperitivo nel Giardino degli Aranci.
    Ore 19.45: Visita guidata “Donne a corte. L’altra faccia del potere”, per conoscere le vicende delle affascinanti dame della Corte Estense. Si conclude alle 21.15 con l’ aperitivo nel Giardino degli Aranci.
    Ore 19.45: Moni Ovadia e Vittorio Sgarbi incontreranno il pubblico lungo il percorso espositivo della Collezione Cavallini Sgarbi, con letture e aneddoti familiari.
    Ore 20.30: “Bestiario fantastico”. Un percorso narrativo con  laboratorio per bambini dai 5 agli 11 anni.
    Ore 21.00: Moni Ovadia, Vittorio Sgarbi e Morgan incontreranno il pubblico lungo il percorso espositivo della Collezione Cavallini Sgarbi, con racconti e letture.
    Ore 22.00 Visita tematica al Castello Estense dal titolo “”Misteri e delitti a corte”, un percorso per rievocare  misteri dimenticati, intricate congiure, tragici amori e lunghe prigionie nelle segrete delle torri.
    Dalle 19.30 alle 23.00 è possibile partecipare alle escursioni in barca nel fossato del Castello, con partenza dal pontile di Piazza Savonarola.
    Durante la serata è aperta ad entrata libera la Caffetteria del Castello al Piano Nobile.

    Url dell’eventohttp://www.castelloestense.itContattiFerrara – Castello Estense – Largo Castello
    tel. 0532 299233
    castelloestense@comune.fe.itOrariApertura Castello 19.30-23.30 (La biglietteria chiude alle 22.45).

    IngressoPercorso museale esclusa ala sud e Camerini: intero 4 euro; ridotto 2 euro.
    Percorso museale inclusa mostra Collezione Cavallini Sgarbi: intero 10 euro; ridotto 6 euro.
    Salita alla torre facoltativa: 2 euro. Iniziative a pagamento.

    PER INFORMAZIONI, TARIFFE E PRENOTAZIONI DELLE VISITE GUIDATE CONTATTARE LA BIGLIETTERIA DEL CASTELLO.

Autori a corte

Autori a corte estate 2018

11, 18, 25, 30, 31 luglio 2018

Ferrara – Sedi diverse
AUTORI A CORTE torna a Ferrara nella sua edizione estiva presso il Giardino Creativo della Factory Grisù
Programma
La kermesse letteraria che prevede 5 serate nell’arco del mese di luglio, vedrà l’alternarsi di 20 autori locali con anteprime assolute ed autori di respiro nazionale.
mercoledì 11 luglio: Inaugurazione della rassegna
ore 19.45 i danzatori della Jazz Studio Dance che si esibiranno in una coreografia ideata e diretta da Silvia Bottoni, ispirata al libro di Marco Gulinelli, “Il trapezista”. Danzeranno: Vladislav Kniazev, Martina Saccenti, Sara Pozzati, Giulio Fortini, Cristiana Brunazzi, Eleonora Balleri, Giulia Perinati (con la partecipazione del piccolo Edoardo Bozzoli).
ore 20.00 Marco Gulinelli presenterà il suo nuovo libro “Il trapezista” (La nave di Teseo Edizioni). Modererà Andrea Ansaloni.
ore 20.30 saranno presentati in anteprima il giallo del poeta e giornalista Sergio Gnudi, “La statua del potere” (La Carmelina Edizioni) e “La tradicesima Musa” (La Carmelina Edizioni) di Carlo Degli Andreasi.
Ospite d’onore della serata sarà il giornalista padovano e scrittore noir Massimo Carlotto, che alle 21.30 presenterà il nuovo romanzo “Cristiani di Allah” (E/O Edizioni). Modererà il giornalista Sergio Gessi.
L’ intera serata sarà accompagnata dalla degustazione di birra artigianale offerta dal birrificio trevigiano Morgana.
Sarà possibile acquistare i volumi presentati nel luogo stesso dell’evento.
Info: tel. 0532 1825598; 3929452716; autoriacorte@libero.it
Url dell’evento
http://www.autoriacorte.onweb.it/
Ingresso
Tutte le presentazioni e le degustazioni saranno ad ingresso gratuito.

Notte dei musei

GLI EVENTI DI FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE

16.05 – 31.05.18

INCONTRO con Robert Storr

How to look: l’arte spiegata da Ad Reinhardt

Giovedì 17 maggio 2018, ore 18

Galleria Civica di Modena

Palazzo Santa Margherita

 

Si può insegnare l’arte con il fumetto? Nell’ambito della mostra Ad Reinhardt. Arte + Satira (in corso fino al 20 maggio), il curatore e storico dell’arte americano Robert Storr approfondisce la serie How to look (1946-47), ricco corpus di vignette, collage, mappe e diagrammi illustrati, realizzati da Reinhardt per difendere in modo appassionato lo sviluppo dell’arte astratta in America.

Le divertenti vignette dell’artista tentano di avvicinare il pubblico all’arte del tempo e sono un’importante testimonianza dell’universo concettuale dell’artista. Ingresso libero. L’incontro si tiene in inglese con traduzione in italiano

Per saperne di più

INGRESSO LIBERO a tutte le mostre di FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE

dalle ore 19 alle 24, con visite guidate

Nessun Dorma – Notte dei Musei 2018

Sabato 19 maggio 2018

 

In occasione di Nessun Dorma si potranno visitare liberamente dalle ore 19 alle 24 le mostre Ad Reinhardt: Arte + Satira (Galleria Civica di Modena, sala grande di Palazzo Santa Margherita e Palazzina dei Giardini), A cosa serve l’utopia (Galleria Civica di Modena, sale superiori di Palazzo Santa Margherita), Sharon Lockhart. Movimenti e Variazioni (Fondazione Fotografia Modena, MATA – Ex Manifattura Tabacchi) e World Masterpiece Theater (Museo della Figurina, Palazzo Santa Margherita).

 

Sarà possibile inoltre partecipare alle visite guidate alle mostre Ad Reinhardt: Arte + Satira insieme ai fumettisti e agli esperti di PAFF! Pensieri a Fumetti Festival (ore 19.30 in sala grande di Palazzo Santa Margherita; ore 21.30 alla Palazzina dei Giardini) e Sharon Lockhart. Movimenti e Variazioni (ore 21 e 22 al MATA – Ex Manifattura Tabacchi).

NARRAZIONE per bambini dai 6 anni in su
Tom & Marco
Sabato 19 maggio 2018, ore 20.30 e 21.30
Museo della Figurina
Palazzo Santa Margherita

La fantasia può accorciare ogni distanza. Nell’ambito della mostra World Masterpiece Theater e in occasione di Nessun Dorma – Notte dei Musei 2018, il contastorie Marco Bertarini farà “incontrare” Tom (Le avventure di Tom Sawyer) e Marco (Dagli Appennini alle Ande). I due affronteranno avventure buffe e spensierate, ma anche il mondo spesso ostile degli adulti, fino a quando Marco deciderà di partire da solo per il Sud America alla ricerca della mamma. Ingresso libero senza prenotazione.

Per saperne di più

PERFORMANCE
Fumettisti al lavoro

Sabato 19 maggio 2018, dalle 20 alle 24

Galleria Civica di Modena
Palazzina dei Giardini

In occasione di Nessun Dorma – Notte dei Musei 2018, le opere di Ad Reinhardt alla Palazzina dei Giardini diventeranno fonte di ispirazione per alcuni dei disegnatori di Mattoni a Fumetti che nel corso della serata creeranno nuove vignette. Mattoni a fumetti è un’iniziativa di solidarietà nata dopo il sisma che ha colpito l’Emilia nel 2012, con l’idea di realizzare mattoni illustrati con l’apporto di fumettisti, pittori, musicisti, registi e raccogliere fondi a sostegno della ricostruzione. Ingresso libero.

PERFORMANCE
Node presenta Valerio Tricoli

Domenica 20 maggio 2018, ore 19

Galleria Civica di Modena
Palazzina dei Giardini
In occasione del finissage della mostra Ad Reinhardt. Arte + Satira, la performance anticipa la nona edizione del festival Node prevista per novembre 2018, e che vede protagonista Valerio Tricoli, compositore di musica elettroacustica e improvvisatore radicale su strumenti elettronici analogici. Considerato uno degli elementi di punta della nouvelle vague musicale italiana, indaga attraverso il suo lavoro compositivo la relazione tra realtà, virtualità e memoria. Ingresso 8 € fino ad esaurimento posti.

 

Per saperne di più

INCONTRO

TOKYO – AMMAN: residenze a confronto

Giovedì 24 maggio 2018, ore 18.30

Fondazione Fotografia Modena

Sede didattica di Via Giardini 160

 

Un incontro con Daniele Grillo, Chiara Francesca Rizzuti ed Elisa Crostella, studenti del Master di alta formazione sull’immagine contemporanea, che racconteranno le loro esperienze in residenza d’artista alla Tokyo University of the Arts e alla Fondazione Darat al Funun di Amman in Giordania. Ingresso libero.

PERFORMANCE

Trasmissione26052018

The images of your dreams
Sabato 26 maggio 2018, ore 19
Galleria Civica di Modena
Palazzo Santa Margherita

 

La performance multimediale del collettivo artistico Discipula con il musicista Nicola Ratti esplora l’influenza sempre maggiore delle immagini nel quotidiano, coniugando indagine teorica a elementi di finzione. Un work in progress dove le suggestioni prodotte da Discipula si intrecciano al found footage e all’audio prodotto da Nicola Ratti.

L’evento è anticipato da una visita guidata alla mostra A cosa serve l’utopia, alle 17.30 nelle sale superiori di Palazzo Santa Margherita. L’evento rientra nel costo del biglietto valido per accedere alla mostra. Ingresso gratuito per gli under 18 e gli over 65.

Per saperne di più

MASTER SULL’IMMAGINE CONTEMPORANEA

Selezione per 4 posti a quota ridotta
Entro il 30 maggio 2018
Sono aperte le selezioni per il nuovo biennio del Master di alta formazione sull’immagine contemporanea della scuola di Fondazione Fotografia Modena incentrata sugli insegnamenti teorici e pratici nel campo della fotografia e del video d’artista. Per gli studenti e i giovani laureati provenienti da Università umanistiche o Accademie di Belle Arti sono disponibili quattro posti con riduzione al 50% della quota d’iscrizione. Per partecipare alla selezione occorre fare domanda entro il 30 maggio. I corsi inizieranno a ottobre 2018.

 

Per saperne di più

VISITA GUIDATA ALLA MOSTRA

Sharon Lockhart. Movimenti e Variazioni
Giovedì 31 maggio 2018, ore 18
Fondazione Fotografia Modena
MATA – Ex Manifattura Tabacchi
La visita guidata permette di scoprire la genesi della mostra personale di un’artista e fotografa di fama internazionale. L’esposizione raccoglie fotografie e sculture inedite che, mescolandosi a documenti provenienti dall’Archivio di Stato di Modena e dagli archivi fotografici del Comune di Modena, si ispirano alla storia e al contesto dell’ex manifattura dei tabacchi. La visita guidata rientra nel costo del biglietto valido per accedere alla mostra. Ingresso gratuito per gli under 18, gli over 65 e per il primo accompagnatore under 10. È richiesta la prenotazione.

 

Per saperne di più

FONDAZIONE MODENA ARTI VISIVE nasce nell’ottobre del 2017 per iniziativa dei due soci fondatori Comune di Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena. Diretta da Diana Baldon, la fondazione diffonde l’arte e la cultura visiva contemporanee nella cornice del patrimonio e delle attività delle tre istituzioni culturali che la compongono: Galleria Civica di Modena, Fondazione Fotografia Modena e Museo della Figurina.

Sedi espositive

Galleria Civica di Modena
Palazzo Santa Margherita: C.so Canalgrande, 103 – 41121 Modena
Palazzina dei Giardini: Corso Cavour, 2 – 41121 Modena
Informazioni: Tel. +39 059 2032919 | 2033165, www.galleriacivicadimodena.it

Museo della Figurina
Palazzo Santa Margherita (secondo piano): Corso Canalgrande, 103 – 41121 Modena
Informazioni: Tel. +39 059 2032919, www.museodellafigurina.it

Fondazione Fotografia Modena
MATA – Ex Manifattura Tabacchi: Via della Manifattura dei Tabacchi, 83 – 41121 Modena
Informazioni: Tel. +39 059 4270657, www.fondazionefotografia.org

 

Analogica Cinetica

L’inaugurazione della mostra “Analogica cinetica” avrà luogo al museo di Stellata, venerdì 27 aprile (ore 19), con Live Act di Andrea Amaducci, performer e artista visivo. La mostra è a cura di Francesca Pennini e di Collettivo Cinetico, ed esporrà le fotografie di Daniele Zappi, fino al 31 maggio prossimo. Perché “analogica”? Il motivo risiede nel fatto che si tratta di un’esposizione di foto analogiche da pellicole in bianco e nero stampate direttamente dal fotografo in camera oscura; “cinetica”, perché è su Francesca Pennini, la performer, danzatrice, coreografa e direttrice del CollettivO CineticO, il pluri premiato collettivo di danza contemporanea ferrarese.

Il contrasto e l’improvvisazione sono i fili conduttori della mostra, fatta di scatti rubati tra i dietro le quinte e gli spettacoli del Collettivo. Zappi utilizza volutamente un mezzo fotografico analogico con pellicole in bianco e nero per contrapporsi alla contemporaneità e ai colori delle opere performative modellate dalla Pennini.

La mostra è un omaggio alla coreografa ferrarese nella sua individualità cinetica, alla quale vengono dedicate foto che sono alla ricerca dell’estetica, etimologicamente intesa come “percezione attraverso la mediazione dei sensi”.

Durante inaugurazione, lo slancio estetico della mostra sarà alimentato dal contributo dell’artista ferrarese Andrea Amaducci, Cinetico dal 2007, che darà vita a dei Live Act, ad intensificare anche l’improvvisazione e i contrasti alla base della mostra stessa.

L’inaugurazione, e tutta la mostra, sarà quindi il risultato di una trasversalità di arti espressive.

L’evento si svolgerà al primo piano della Casa Ariosto, che appartenne a Virgilio, chierico e nobile, figlio del poeta Ludovico e che ora ospita il Museo Civico Archeologico “G. Ferraresi”, Via A. Gramsci, 301 – Stellata di Bondeno – Ferrara

Le fotografie rimarranno esposte per tutto il mese di Maggio, gli orari di apertura sono quelli del Museo Archeologico: sabato e festivi 15.00 – 19.00, domenica 9.30 – 12.30, 15.00 – 19.00

Ariosto per sempre

Sabato 21 aprile 2018 ore 10 in Biblioteca Ariostea

Intervengono Massimo Maisto, vicesindaco del Comune di Ferrara, Enrico Spinelli, direttore della Biblioteca Ariostea e Lina Bolzoni, Presidente del Comitato Nazionale per le celebrazioni dell’Orlando furioso.

Una mattinata molta intensa attende la biblioteca Ariostea il prossimo 21 aprile. Il programma, infatti, prevede una serie di iniziative con al centro Ariosto e il suo capolavoro.

– Ore 10, Sala Agnelli, Gino Ruozzi (Università di Bologna) presenta
Galassia Ariosto. Il modello editoriale dell’Orlando Furioso dal libro illustrato al web, a c. di L. Bolzoni, Roma, Donzelli, 2017
Andrea Torre (Scuola Normale Superiore), presenta
Gianluca Genovese, Le vie del Furioso, Napoli, Guida, 2017
Saranno presenti Lina Bolzoni (Scuola Normale Superiore), e Gianluca Genovese (Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa).

– Ore 11, piano nobile, intitolazione di Sala rossa a Giuseppe Carli e di Sala del falcone a Giovanni A. Barotti, due fra i più importanti benefattori della Biblioteca Ariostea.

Nella rinnovata Sala Ariosto si procederà successivamente all’inaugurazione della mostra “Ariosto per sempre Ariosto. Esposizione di manoscritti, antiche edizioni e opere d’arte dalle collezioni della Biblioteca Comunale Ariostea di Ferrara”, curata da Mirna Bonazza e visitabile fino al 23 luglio 2018.

L’appuntamento rappresenta idealmente la sintesi delle attività finanziate dal MiBACT e gestite ora dal “Comitato nazionale Orlando furioso”, ora tramite Progetto “Unesco furioso”: sarà l’occasione per scoprire un insospettato autografo di Benedetto Croce (con le figlie Alda e Elena, in pellegrinaggio ariosteo a Ferrara nel 1936), nelle nuove Teche realizzate appositamente per Palazzo Paradiso.

A cura del Servizio Biblioteche e Archivi del Comune di Ferrara e del Comitato Nazionale V centenario dell’Orlando Furioso – Mibact