Ferrara

Ferrara scrigno di tesori senza tempo

Dal 1999 per l’Unesco la Città del Rinascimento è Patrimonio dell’Umanità

Non c’è dubbio: l’Italia è piena di scrigni contenenti tesori di ogni tipo. Tra essi c’ è sicuramente Ferrara, capoluogo del fu ducato Estense (quando divenne , grazie all’esteso ed organico svilup po urbanistico del XV secolo, ” la prima città moderna d’Europa”) e·d oggi dell’omonima provincia dell ‘ Emilia Romagna, che ha ottenuto ben due riconoscimenti da parte de!l’Unesco: il primo nel 1995, quando è divenuta ufficialmente Patrimonio dell ‘ Umanità come città del Rinascimento ed il secondo nel 1999 , con la motivazione che ” le residenze dei_duchi d‘ Este nel Delta del Po illustrano in modo eccezionalel’influenza della cultura del Rinascimento sul paesaggio naturale”.

Oltre ·ad essere una delle pochissime città italiane (le altre sono Bergamo, Grosseto e Lucca) ad aver mantenuto praticamente intatta l’antica cinta muraria che circonda il centro storico , Ferrara – sul cui nome, quanto alle origini, non c’è certezza: alcuni lo riferiscono al ferro, altri al farro, altri alle numerose fiere che vi si svolgevano – offre chi vi si reca tantissime perle. Che meritano senz’altro una visita . Ne citiamo in questa sede soltanto alcune , lasciando a chi ci andrà la possibilità di scoprire tutte le altre. ,. _

Tra le tappe che non possono mancare, oltre visita alle già citate Mura e ai numerosi Mu sei cittadini, di sono senz’altro quelle a Palazzo dei Diamanti (cosi chiamato per la presenza di 8500 blocchi di marmo striati di rosa che ne formano la struttura esterna) , al Castello Estense (fortezza la cui prima pietra fu posata nel 1385), al Palazzo Municipale e all’ antichissima -_la consacrazione risale al 1135 – Cattedrale di San Giorgio, patrono della città celebrato il 24 aprile, al quale è dedicato il celebre Palio con anche gare tra sbandieratori e un grande corteo in costume.

Punto di riferimento in qualsiasi passeggiata al centro di Ferrara è Piazza delle Erbe, dal 1919 ribattezzata Piazza Trento e Trieste, luogo di mercato che oltre alla Cattedrale, tra gli altri, raccoglie attorno a sé il Palazzo della

Ragione , la Loggia dei Merciai e il campanile incompiuto attribuito a Leon Battista Albert!. Storicamente parlando, inoltre, desta sicuramente emozione passare di fronte ali’epigrafe che ricorda il discorso di Cesare Battisti del 27 novembre 1914, quando il patriota trentino – si legge nella targa di marmo apposta sulla facciata del Teatro Giuseppe Verdi , oggi purtroppo dismesso – ” con parola ardente auspicò la nostra guerra di redenzione” .

Gli amanti della letteratura possono poi visitare la casa che ospitò, negli ultimi anni della sua vit a, il grande Poeta Lud ovico Ariosto (scrisse qui, nel 1532, il suo capolavoro “Orlan do furioso”). A tema letterario, inoltre, c’è il Parco Urbano dedicato a Giorgio Bassani (la sua famiglia era ferrarese), che ospita uno dei più importanti festival europei di mongolfiere e la Vulandra (festival inte rnazionale degli aquiloni).

Un ‘ ulteriore curiosità a proposito di questa splendida città, che nel 1998 ha stretto un patto di amicizia con varie cittadine, tra cui la dannunziana Fiume: la sua cucina ha un gran numero di specialità, provenienti da un a tradizione risalente all’epoca medievale e dalla cultura contadina (come il “salame zia ferrarese” , composto da carne suin a aromatizzata con sale, pepe e aglio e stagionato con vino bianco) .

“La nostra è la città delle biciclette, della metafisica, del Rinascimento,dell’ aeronautica e dei trasvolatori, di c;;pernico e del!’ Uni versità.E’ unacittàche haattraversato i secoli cambiando volto e custodendo anime diverse, che l’hanno arricchita e resa una capitale della cultura. Gli estensi – ci dice con orgoglio l’ assessore ferrarese Alessandro Balboni (Fdl) – hanno lasciato in eredità” al mondo “una realtà di storia, architettura e letteratura invidiabile, preservata ma anche rilanciata, promossa e arricchita” . Vis i tare Ferrara dunque è un’esperienza da cogliere. Senza indugio .

Cristina Di Giorgi in Cultura Identità

Autore: bondeno

redazione bondeno.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.