Ponte Borgo Scala

Inizia una settimana decisiva per il nuovo Ponte di Borgo Scala. Diventato ormai l’elemento che caratterizza il paesaggio della zona Ovest, per tutti quanti transitano da quelle parti, visto che ormai l’impalcato metallico è completato. «Da lunedì – dice il sindaco Fabio Bergamini – procederemo alla chiusura di via Comunale per Burana, con una specifica ordinanza, e la chiusura dovrebbe durare fino a giovedì pomeriggio. Al fine – continua il sindaco – di favorire la sistemazione in completa sicurezza delle due pesanti gru che dovranno alzare il manufatto metallico e farlo “scivolare” fino alle due spalle, che sorreggeranno il ponte». Un’operazione particolarmente complessa e spettacolare, che era già da tempo al vaglio del direttore dei lavori, l’ingegner Camillo Andreocci, e che si svolgerà nel corso della prossima settimana. «Un’opera – continua Fabio Bergamini – che Bondeno attendeva sin dal 1985, quando per la prima volta si parlò in Consiglio comunale del nuovo ponte e che siamo riusciti a finanziare con risorse comunali, come la rotatoria e le opere affini. Il tutto costituisce la premessa del completamento della circonvallazione Ovest. La quale sarà progettata dal Comune e finanziata dalla Regione sulla base di un accordo con l’assessore regionale ai trasporti, Raffaele Donini, permettendo (una volta arrivati a regime) di decongestionare il traffico che grava sulla zona Ovest». Del cantiere del ponte si stanno occupando l’azienda RT Verzaro Srl (mandataria), affiancata dalla DA Carpenterie Srl (mandante) entrambe di Montecalvo Irpino (Avellino), risultate vincitrici di una procedura di gara pubblica. Il progetto complessivo vale circa un milione e 521mila euro, interamente finanziati dal Comune di Bondeno. Difficile da credere, ma non è la “posa” del ponte ed il suo varo (sotto il profilo tecnico-ingegneristico) la notizia più importante della settimana: «Abbiamo discusso un’informativa durante l’ultima riunione di Giunta – rivelano il sindaco Fabio Bergamini ed il vicesindaco Simone Saletti – in merito alla nostra intenzione di dedicare il nuovo ponte di Borgo Scala all’indimenticato monsignor Marcello Vincenzi, che per noi resta sempre “il nostro don”. Sappiamo che l’iter per arrivare all’intitolazione deve passare attraverso alcuni ostacoli, perché “don” Marcello è scomparso un anno fa e la Prefettura deve concedere una deroga per arrivare all’intitolazione. Crediamo, tuttavia, che si tratti di uno dei personaggi più cari alla comunità, al quale è legata la nostra storia. Intitolargli l’opera più importante degli ultimi decenni è un gesto simbolico e concreto per omaggiarlo e ringraziarlo, per tutto quanto ha fatto per Bondeno e i suoi cittadini».

Annunci

Un pensiero riguardo “Ponte Borgo Scala

  1. «E’ un momento storico per la comunità, che attendeva questo ponte sin dal 1985 (quando se ne parlò per la prima volta in Consiglio comunale). Ora dobbiamo mantenere la stessa tabella di marcia e completare la rotatoria e le opere necessarie alla viabilità della zona Ovest. Anche se questo rimane un giorno da scrivere nei libri di storia locale». Il sindaco Fabio Bergamini ha espresso il suo pensiero,martedì pomeriggio poco dopo le 17, quando è stato “varato” il ponte di Borgo Scala. Il varo, in senso tecnico, non è l’inaugurazione ma la fase in cui viene posato il manufatto e verificata la staticità dell’opera ingegneristica. La quale ha impegnato lunghi mesi di lavoro: prima il rinforzo della banchina del canale di Burana, poi la costruzione delle spalle del ponte, infine la realizzazione in fabbrica e l’assemblaggio dell’impalcato metallico in loco. Operazione, quest’ultima, che aveva provocato l’immancabile carosello di curiosi, recatisi in zona per vedere al lavoro le potenti gru da 200-300 tonnellate di stazza. Le stesse che, ieri pomeriggio, hanno depositato il ponte metallico da 50 tonnellate sulle “spalle” poste alle due estremità del canale. Per un manufatto che complessivamente pesa circa 140 tonnellate. Un’operazione supervisionata dal direttore dei lavori, l’ingegner Camillo Andreocci, e resa possibile dalle aziende che si erano aggiudicate al termine di una gara pubblica i lavori: l’azienda RT Verzaro Srl (mandataria), affiancata dalla DA Carpenterie Srl (mandante) entrambe di Montecalvo Irpino (Avellino), risultate vincitrici di una procedura del valore di circa un milione e 521mila euro, interamente finanziati dal Comune di Bondeno. «Adesso – dice il sindaco Fabio Bergamini – si provvederà al completamento del ponte (con il tappetino, l’asfaltatura e l’illuminazione) ed alla realizzazione della rotatoria, con la pista ciclabile e le opere necessarie alla viabilità della zona. Procederemo anche alla progettazione del terzo step di questo progetto, che è la circonvallazione Ovest (finanziata dalla Regione, come da accordi intercorsi con l’assessore regionale ai Trasporti, Raffaele Donini; ndr). Intanto, quando saremo pronti anche con la rotatoria, potremo aprire ed inaugurare questo nuovo ponte, che dedicheremo alla memoria di monsignor Marcello Vincenzi, non appena dalla Prefettura arriverà l’autorizzazione ad intitolare al nostro amato “don” quest’opera. Sicuramente la più importante degli ultimi decenni».

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: