Nuovi esposti su affidi

MIRANDOLA E DINTORNI – Patrizia Micai, storica avvocata delle famiglie coinvolte nelle inchieste sui bimbi della Bassa negli anni ’90, presenterà in Procura sette nuovi esposti affinché si faccia luce su quegli allontanamenti.

Come spiega Il Resto del Carlino, i sette esposti contengono documenti inediti che collegano i casi avvenuti nel modenese e quelli di Bibbiano, relativi anche agli operatori di ieri e di oggi oltre ad ulteriori indagini investigative che potrebbero allargare lo scandalo degli affidi.

I bimbi della Bassa e Bibbiano, sette nuovi esposti per fare luce

LEGGI ANCHE:

Annunci

Casa della salute

La Casa della Salute è in funzione ormai da alcuni mesi, ma il discorso di implementazione dei servizi e di valorizzazione di Villa Dazio è ben lungi dall’essere concluso. «La progettazione del secondo stralcio, che riguarda la villa storica del Borselli – conferma il sindaco Fabio Bergamini – è ormai ad uno stadio avanzato e, probabilmente, già entro la fine dell’anno verranno appaltati i lavori». Un cantiere che costituisce la parte più ingente dell’investimento sulla struttura di Bondeno, che sta diventando sempre più “baricentrica” nell’ambito dell’Alto Ferrarese, in sinergia con l’ospedale Santissima Annunziata di Cento. «In questa fase – conferma l’assessore alle Politiche sociali, Francesca Piacentini – ci stiamo soffermando su alcune esigenze da porre all’attenzione dell’Azienda Usl, con la quale prosegue un rapporto di stretta collaborazione». Durante un incontro tecnico di lavoro svoltosi alla Casa della Salute, erano presenti anche la direttrice sanitaria dell’Ausl, Nicoletta Natalini, la direttrice del Distretto Ovest, Annamaria Ferraresi, e l’architetto Giovanni Peressotti (dirigente dell’Ufficio Tecnico dell’Ausl) che cura i lavori previsti al Borselli. «Innanzitutto – aggiunge il sindaco Bergamini – possiamo annunciare che è finalmente in arrivo la strumentazione radiologica acquistata con le risorse del Comune di Bondeno. Ma non si tratta dell’unico servizio in partenza alla Casa della Salute “Borselli”». E’ in arrivo, infatti, il nuovo ecografo multifunzione. «Si è parlato anche della gestione del parco e del secondo stralcio di asfaltatura del parcheggio ghiaiato della struttura sanitaria – conferma Bergamini –. Intendiamo coinvolgere maggiormente anche le associazioni del territorio, per implementare i servizi a disposizione dei cittadini». Si è parlato, infine, del servizio di continuità assistenziale (in pratica, quello che i cittadini conoscono come “guardia medica”), collocata nell’ala est della struttura sanitaria, al numero civico 113 di via Dazio e che è ubicato al piano terra (a destra rispetto all’ingresso principale). «L’apertura della nuova ala – precisa l’assessore Piacentini – non ha comportato spostamenti di questo servizio. Nel dialogo iniziato con l’Ausl, è stata accolta la nostra richiesta di una formazione pediatrica per la “guardia medica”, per rispondere ad una esigenza presente nel nostro territorio. Intanto, però, il servizio di continuità assistenziale (che prosegue l’attività del medico di famiglia e del pediatra, nei giorni ed orari in cui queste figure non sono presenti) è attivo tutti i giorni, dalle ore 20 alle 8 di mattina, e nei prefestivi e festivi, dalle ore 8 alle ore 20 per garantire interventi medici domiciliari e presso le strutture residenziali (RSA – Casa Protetta). Per accedere al servizio occorre contattare il numero telefonico 840000215.
Il servizio, inoltre comprende presso la stessa sede l’ambulatorio di continuità assistenziale attivo dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 16 alle ore 18 dei giorni festivi e prefestivi  in cui l’utente può recarsi di persona per visite ambulatoriali, ricette di prescrizione farmaci ed eventuale  rilascio dei certificati di malattia.

tavolo lavoro casa della salute 24 07 19

Ponte Borgo Scala

Inizia una settimana decisiva per il nuovo Ponte di Borgo Scala. Diventato ormai l’elemento che caratterizza il paesaggio della zona Ovest, per tutti quanti transitano da quelle parti, visto che ormai l’impalcato metallico è completato. «Da lunedì – dice il sindaco Fabio Bergamini – procederemo alla chiusura di via Comunale per Burana, con una specifica ordinanza, e la chiusura dovrebbe durare fino a giovedì pomeriggio. Al fine – continua il sindaco – di favorire la sistemazione in completa sicurezza delle due pesanti gru che dovranno alzare il manufatto metallico e farlo “scivolare” fino alle due spalle, che sorreggeranno il ponte». Un’operazione particolarmente complessa e spettacolare, che era già da tempo al vaglio del direttore dei lavori, l’ingegner Camillo Andreocci, e che si svolgerà nel corso della prossima settimana. «Un’opera – continua Fabio Bergamini – che Bondeno attendeva sin dal 1985, quando per la prima volta si parlò in Consiglio comunale del nuovo ponte e che siamo riusciti a finanziare con risorse comunali, come la rotatoria e le opere affini. Il tutto costituisce la premessa del completamento della circonvallazione Ovest. La quale sarà progettata dal Comune e finanziata dalla Regione sulla base di un accordo con l’assessore regionale ai trasporti, Raffaele Donini, permettendo (una volta arrivati a regime) di decongestionare il traffico che grava sulla zona Ovest». Del cantiere del ponte si stanno occupando l’azienda RT Verzaro Srl (mandataria), affiancata dalla DA Carpenterie Srl (mandante) entrambe di Montecalvo Irpino (Avellino), risultate vincitrici di una procedura di gara pubblica. Il progetto complessivo vale circa un milione e 521mila euro, interamente finanziati dal Comune di Bondeno. Difficile da credere, ma non è la “posa” del ponte ed il suo varo (sotto il profilo tecnico-ingegneristico) la notizia più importante della settimana: «Abbiamo discusso un’informativa durante l’ultima riunione di Giunta – rivelano il sindaco Fabio Bergamini ed il vicesindaco Simone Saletti – in merito alla nostra intenzione di dedicare il nuovo ponte di Borgo Scala all’indimenticato monsignor Marcello Vincenzi, che per noi resta sempre “il nostro don”. Sappiamo che l’iter per arrivare all’intitolazione deve passare attraverso alcuni ostacoli, perché “don” Marcello è scomparso un anno fa e la Prefettura deve concedere una deroga per arrivare all’intitolazione. Crediamo, tuttavia, che si tratti di uno dei personaggi più cari alla comunità, al quale è legata la nostra storia. Intitolargli l’opera più importante degli ultimi decenni è un gesto simbolico e concreto per omaggiarlo e ringraziarlo, per tutto quanto ha fatto per Bondeno e i suoi cittadini».

Estate modenese

Dal Blues al Jazz festival, dai Cortili di Ago ai Giardini e ai parchi, dalla musica al teatro

Fino a settembre, oltre 300 occasioni di uscire e stare insieme in città tra cultura, e socialità: in centro e fuori, all’Estivo, ai Giardini, ad Ago, nei parchi, nei quartieri.

L’Estate modenese prende il via ufficialmente con la Festa della musica e notte bianca del 21 giugno, a cui seguirà la Notte gialla rock di sabato 29, ma incomincia già il giorno prima con la rassegna “I cortili di Ago” all’ex Sant’Agostino.

L’Estate modenese è organizzata dal Comune con tante associazioni selezionate con bando pubblico, e col sostegno di Fondazione Cassa di risparmio di Modena e gruppo Hera.

Il programma completo è online www.comune.modena.it/estate2019

Risparmio tradito

Un nuovo incontro dal titolo emblematico: “Risparmio tradito”, si svolgerà martedì 30 luglio (ore 20,45, alla sala 2000 di Bondeno), per illustrare ai cittadini le ultime novità in merito ai rimborsi dopo il “salvataggio” Carife. L’incontro è promosso dalla Lega dei Consumatori e patrocinato dal Comune di Bondeno. Dopo il saluto del sindaco Fabio Bergamini, interverranno l’avvocato Enrico Scarazzati (presidente della Lega Consumatori di Ferrara), l’avvocato Mauro Gavioli (legale di riferimento per la questione Carife) ed Erika Zanca, responsabile quest’ultima dello “Sportello dei consumatori”, attivo peraltro anche al primo piano del municipio di Bondeno, durante la giornata del giovedì (ore 9-15,30). Di cosa si parlerà durante l’incontro? E’ presto detto: gli argomenti portanti del dibattito saranno quelli inerenti al fondo di indennizzo per i risparmiatori, al procedimento penale, con un messaggio particolare inserito nel sottotitolo delle serata: “adesso è il turno degli azionisti”. Dal momento che si sono aperte le famose “finestre” riservate ai risparmiatori danneggiati dalla questione Carife: dopo la finestra attiva dal 1° di luglio in cui era possibile, per gli obbligazionisti subordinati dell’ex Cassa di Risparmio di Ferrara che hanno potuto usufruire dell’80% del rimborso, ottenere un ulteriore indennizzo del 15%, ora il discorso riguarda gli azionisti. Si attende, infatti, la procedura di risarcimento che permetterebbe loro di ottenere il 30% del valore investito. Per informazioni: 0425-727691; numero del centralino unico di Lega Consumatori, che gestisce unitamente le sedi di Rovigo e Ferrara.

CONVEGNO BONDENO RISPARMIO TRADITO LEGA CONSUMATORI web

Nuova segretaria

La dottoressa Vanessa Iannetta, di 46 anni, è la nuova segretaria generaledei comuni di Bondeno e Poggio Renatico, nell’ottica del progetto riguardante la segreteria “convenzionata” dei due enti locali. Vanessa Iannetta è risultata la candidata idonea al termine delle procedure selettive svoltesi nelle scorse settimane e che hanno riguardato altri sei potenziali candidati. Secondo il decreto numero 13 di nomina, firmato dal sindaco Fabio Bergamini lo scorso 15 luglio, e «visti i curricula inviati dai candidati, si evince che Vanessa Iannetta possiede le caratteristiche professionali ed umane adeguate allo svolgimento dell’incarico di segretario comunale», all’interno della convenzione tra Bondeno e Poggio. Vanessa Iannetta (originaria di Cassino, in provincia di Frosinone) prenderà il posto di Stefania Necco, che ha lasciato l’incarico di segretario generale dell’ente locale matildeo durante la scorsa primavera.

Guardia medica

Su richiesta di alcuni cittadini, ed in accordo con il servizio di “Comunicazione e Stampa”

dell’Azienda Sanitaria di Ferrara, si riportano i seguenti chiarimenti per Servizio di Continuità Assistenziale (Guardia Medica) di Bondeno

La sede del servizio di Guardia Medica di Bondeno si trova presso la Casa della Salute, ala est del ex Ospedale Borselli, al numero civico 113 di via Dazio, ubicato al piano terra, a dx dell’ingresso principale. L’apertura della nuova ala non ha comportato spostamenti di questo servizio.

Organizzazione del servizio

Orario e attività

1) Tutti i giorni dalle ore 20.00 alle ore 8.00 e nei giorni prefestivi e festivi dalle ore 8.00 alle ore 20.00 visite domiciliari richieste dall’utente con chiamata telefonica al numero 840000215.

2) Dalle ore 9 alle ore 12.00 e dalle ore 16.00 alle 18.00 visite ambulatoriali presso la sede, prescrizione di farmaci soprattutto per proseguimento di terapia già  in corso; rilascio di certificati di malattia antecedenti un solo giorno rispetto all’assenza del lavoratore turnista.

3) Visite urgenti presso le strutture residenziali RSA – Casa Protetta – CRA negli orari in cui è assente il medico di reparto ed è attivo il servizio di Continuità Assistenziale.

– Utenti del servizio di Continuità Assistenziale: tutti i residenti, di qualunque età.

– Ticket: per i residenti è un servizio gratuito, senza alcun pagamento.

I Medici assegnati complessivamente sono quattro. 1 medico per ogni turno di lavoro.

– Registrazione della attività svolta: duplice, informatizzata su cartella del portale sole e cartacea su registro aziendale.

Si segnala inoltre che a tutela sia dell’utente che del professionista tutte le telefonate sono registrate da un sistema automatico unico provinciale dell’Azienda USL che permette la rintracciabilità dei numeri telefonici e dei colloqui intercorsi.

Si coglie l’occasione per far conoscere in dettaglio alcune particolarità ritenute necessarie ed indispensabili da mantenere operative come lo sono ora:

– la porta di ingresso della struttura deve rimanere sempre chiusa tranne nelle giornate ed orari sopra riferiti in cui è attivo l’ambulatorio di continuità assistenziale

– il medico in turno è responsabile di ogni comportamento assunto nei confronti dell’utenza e della modalità ritenuta idonea alla erogazione del servizio di continuità assistenziale, comprensiva della consulenza telefonica.

 

Dati attività

– anno  2017: sono state effettuate 767 consulenze telefoniche, 464 visite domiciliari e 1083 visite ambulatoriali

– anno 2018 sono state effettuate 682 consulenze telefoniche ma con incremento delle visite domiciliari 556, e delle visite ambulatoriali 1189; in incremento rispetto al 2017.

Ufficio stampa Azienda USL di Ferrara

Autori a corte

AUTORI A CORTE torna a Ferrara al Consorzio Factory Grisù

  • 24 Luglio 2019

  • Ferrara – Factory Grisù, Via Poledrelli 21
  • Programma:
    MERCOLEDI’ 24 luglio
    Marisa Antollovich presenta ‘Quando i ricordi diventano ricette’ Cucina istriana, modera Dario Gigli (scrittore e coach writing)
    – ore 20.15
    Ospiti:
    Edgardo Canducci (professore nutrizionista UNIFE)
    Bruna Ravani (tecnico di supporto – area formazione UNIFE)
    Flavio Rabar (Presidente del Comitato di Ferrara Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia)
    Alex Tuzzi (chef)
    – ore 21.15
    Lo chef finalista del programma televisivo ‘Master chef All Star’ Simone Finetti presenta il libro ‘Heroes’ (Hoepli Editore)
    INFO: tel. 0532 1825598; 3929452716; autoriacorte@libero.it
  • http://www.autoriacorte.onweb.it/
  • Ingresso: tutte le presentazioni sono ad ingresso gratuito. E’ possibile l’acquisto dei volumi presentati nel luogo stesso dell’evento. Al termine degli incontri gli autori saranno a disposizone del pubblico per dediche e foto.

 

Musica a Marfisa d’Este

La rassegna Musica a Marfisa (corso Giovecca 170) è organizzata dal Circolo culturale Amici della musica “G. Frescobaldi” di Ferrara in collaborazione con Fondazione Teatro Comunale di Ferrara – Città Teatro, Direzione Musei Civici di Arte Antica, Assessorato alle Politiche e Istituzioni Culturali del Comune di Ferrara.

I proventi derivati dagli incassi saranno devoluti all’Associazione Malattia Alzheimer di Ferrara http://www.amaferrara.it

> Mercoledì 24
50°ANNIVERSARIO DELL’UOMO SULLA LUNA
Elena Sonco – Jacques Lazzari pianoforte e Gruppo di Lettura Espressiva
> Giovedì 25
I FAMOSI ANNI TRENTA, DAL TRIO LESCANO AL QUARTETTO CETRA
Sandra Mongardi mezzosoprano con cantanti, ballerini e attori
> Venerdì 26
DAGLI APPENNINI AGLI APPALACHI
Gruppo Fourgrass voce, chitarra, mandolino, banjo, squareneck e basso
> Sabato 27
VENICE HARP DUO
Ilaria Bergamin – Eleonora Volpato arpe
Bach, musiche celtiche e arie d’Opera
> Domenica 28
OUT OF NOISE
Barbara Felisatti voce
Marco Scabbia chitarra
evergreen di Mina e Lucio Battisti
> Martedì 30
MATTEO CARDELLI pianoforte
Mozart, Beethoven, Schumann
> Mercoledì 31
ITALIANI ALL’OPERA E FRANCESI DA SALOTTO
Paola Amoroso soprano  – Nicola Badolato pianoforte

Bruno Buozzi

Mostre

Alla Sala Nemesio Orsatti a Pontelagoscuro è allestita fino al 31 agosto la mostra: Bruno Buozzi: da Pontelagoscuro alla Storta – Una vita da sorvegliato speciale per i diritti dei lavoratori”. Immagini e documenti del fascicolo della Questura di Ferrara custodito presso l’Archivio di Stato di Ferrara
Immagine dell'evento
Quel giorno del 1944, 14 uomini vennero trucidati, con un colpo di pistola, in un boschetto nei pressi della Storta, località al 13° Km. della Cassia, fuori Roma. La mano omicida era di un militare tedesco agli ordini della Gestapo, aggregato al convoglio tedesco diretto verso nord a seguito della presa di Roma da parte degli Alleati. Tra i caduti Bruno Buozzi, protagonista di statura internazionale del sindacalismo libero e democratico, deputato socialista del Regno, esiliato a Parigi con l’avvento del fascismo, imprigionato in varie carceri in Francia, Germania, Italia, tradotto al confino, sposato, due figlie. Uomo di enorme carisma e altissima dirittura morale, Buozzi era nato nel cuore del borgo fluviale di Pontelagoscuro il 31 gennaio 1881, una minuta cittadina divenuta industriale già dalla prima metà del secolo XIX ma con un centro storico raccolto intorno all’imponente Via Coperta, galleria seicentesca brulicante di attività e commerci. Il papà, Orlando, e il nonno, Antonio, erano fornai, abitavano in Vicolo Cul di Bomba, in pieno centro, un piccolo angolo di un isolato chiamato anche “il ghetto”.
Nel 75° anniversario dell’eccidio della Storta la Pro loco di Pontelagoscuro ha inteso rendere omaggio al pontesano più illustre della storia con una mostra contenente la riproduzione di decine e decine di documenti conservati in gran parte nell’Archivio di Stato di Ferrara, ma non solo.
Si è voluto mettere in luce, in particolare, un aspetto oscuro e inquietante nella travagliata vita di Buozzi: i documenti degli organi di pubblica sicurezza e della polizia politica relativi ai pedinamenti, allo spionaggio, ai controlli assillanti di ogni mossa, trasferimento, discorso, partecipazione ad assemblee e convegni, che hanno coinvolto anche famigliari e sodali.
Con il coinvolgimento attivo ed appassionato della Fondazione Bruno Buozzi di Roma e il fondamentale contributo dell’Archivio di Stato di Ferrara è stato possibile realizzare un percorso di conoscenza della vita di Buozzi dal punto di osservazione occulto dello spionaggio. Per completare la narrazione cronologica, sono state svolte ricerche anche negli archivi dell’Esercito a Bologna e Roma, nell’Archivio Storico del Comune di Ferrara e nell’archivio parrocchiale di Pontelagoscuro. Le ricerche sono state svolte da Gianpaolo Bertelli, noto esperto e ricercatore storico ferrarese, e Gabriele Botti (Pro loco) con la collaborazione di Irene Volpin e Davide Guarnieri per l’Archivio di Stato; la mostra è stata curata  da Giovanni Pecorari (Pro loco Pontelagoscuro) e Marco Zeppieri (Fondazione Bruno Buozzi) e allestita dai soci della Pro loco.
La mostra è inserita nel programma culturale “Fetonte e Dintorni”.