L’École del Rusco ’08

 

L’École del Rusco ’08

La seconda vita delle cose.

Dal 21 al 30 giugno e dall’11 al 14 settembre a Bologna

“L’École del Rusco ‘08” è la manifestazione artistico culturale – giunta alla III edizione –

ideata dalla Organizzazione Culturale LA PILLOLA allo scopo di proporre soluzioni

nuove e creative per la salvaguardia dell’ambiente e il recupero delle risorse attraverso il

binomio rifiuti – arte. Gli eventi organizzati durante “L’École del Rusco” ruoteranno intorno

al tema dell’arte come forma creativa per il riuso e la seconda vita delle cose: si vuole dare

una risposta concreta al problema dei rifiuti utilizzando la tecnica e la fantasia di alcuni

gruppi che lavorano in ambiti artistici differenti. L’École del Rusco ’08, manifestazione

inserita nella rassegna estiva bé bolognaestate08, si articola in quattro momenti

diversi e vede protagonisti quattro luoghi di passaggio della città di Bologna.

Apre la rassegna, sabato 21 giugno, la mostra allestita all’interno del Cortile d’Onore

Palazzo D’Accursio di Bologna “Spagiria – Sette Artisti per Sette Metalli” visitabile fino

al 30 giugno. La mostra è ideata dal Gruppo Fiori, azienda bolognese che opera nel

settore del recupero e riciclo di materie ferrose e non ferrose per l’industria siderurgica e

metallurgica, ospiterà sette artisti che presentano sette sculture realizzate con materiali di

recupero, ispirate ai sette metalli alchemici: oro, argento, rame, stagno, ferro, piombo e

mercurio.

Il cuore della manifestazione – come ogni anno da tre anni a questa parte – sarà Piazza

Verdi, che dal 22 al 27 giugno, vedrà protagonista assoluta “Coro Fonomatico

Commozione Centrifuga”, l’inedita installazione di Simone Bellotti. Un gruppo di 26

lavatrici alle quali è stato sostituito il cestello interno con un altoparlante, verranno

disposte su di un palcoscenico in formazione corale, nella suggestiva Piazza Giuseppe

Verdi di Bologna. La Piazza diviene il luogo per la diffusione della cultura del recupero

attraverso un percorso di valorizzazione di materiali in disuso: la creatività consente di

reinventare oggetti non più perfetti attribuendogli nuovi ruoli. In quest’ottica anche la

musica “colta” esce dal teatro, luogo deputato alla sua autentica esecuzione, per riproporsi

nella sua vera essenza artistica. In determinati orari le lavatrici eseguiranno “LA FORZA

CENTRIFUGA DEL DESTINO”, opera in 4 atti. Il pubblico potrà seguire il concerto grazie

al libretto dell’opera distribuito in Piazza Verdi. Le arie musicali sono tratte da opere di

Giuseppe Verdi e rivisitate da Simone Bellotti.

Dal 22 al 25 giugno Piazza Verdi ospiterà un autobus vintage fornito da Cosepuri adibito

a cinema all’interno del quale verranno proiettati filmati e cortometraggi su tematiche

ambientali. La rassegna si conferma multi disciplinare con due performance di teatro

contemporaneo. Domenica 22 e venerdì 27 giugno avrà luogo “Untitled x 3”, la

performance di Francesco Paolo Ruggiero, a cura di Elisa Vignando, che porta avanti la

ricerca sulla mutazione del corpo, e dei corpi, dell’azione, delle relazioni, della voce

attraverso insolite protesi e strumentazioni. Mercoledì 25 sarà la volta delle videoincursioni

del regista e produttore Federico Ajello, che propone Superfici 1.0

(http://rondehansylumen.blogspot.com). Giovedì 26 e venerdì 27 giugno andrà in scena

“Performance di Teatro Fisico”, un lavoro sul corpo e le sue relazioni con lo spazio, i

vuoti e gli oggetti, i rifiuti. Uno sguardo su due corpi-oggetto tesi alla scoperta e

inseguimento delle loro specifiche forme identitarie attraverso uno fluido scontroconfronto

via via sempre più acceso che sfocerà a tratti in una tagliente conflittualità

reciproca. La performance di Teatro Fisico con Silvia Magnani e Cristian Zanotti, é a cura

di Elisa Vignando; regia di Silvia Magnani. L’installazione scenografica è a cura di

diverserighestudio; paesaggi sonori a cura di KINO, che con la sua opera tenta di

evidenziare la dialettica fra suoni dell’uomo e suoni della natura.

Lunedì 23 giugno fino al 27 del mese, anche Piazza Re Enzo avrà una seconda vita con

l’installazione di una cellula ecologica dedicata interamente al legno: al centro

dell’attenzione dei passanti la performance scultorea di Francesco Cossu e l’installazione

di arredo urbano a cura di Ser Man; il laboratorio artistico tenuto dall’indirizzo di disegno

industriale e arredamento dell’IsArt – Istituto Artistico e l’installazione scenografica a cura

di diverserighestudio.

Infine, L’École del Rusco ’08 sarà presente al SANA, Fiera District dall’ 11 al 14

settembre, all’interno della più completa piattaforma espositiva mondiale per

l’alimentazione biologica e certificata, dove vengono presentati i prodotti e i servizi della

salute e del benessere, per l’abitare sano e sostenibile. Nell’area centrale del Fiera

District, in uno spazio appositamente allestito, l’Organizzazione Culturale La Pillola

riproporrà l’installazione “Coro Fonomatico” di Simone Bellotti. La rassegna si chiuderà

con l’École Party a cura dell’associazione Planimetrie Culturali che come l’anno

scorso allestirà la festa conclusiva della manifestazione all’interno di uno spazio

inutilizzato della città per riqualificare e dare una seconda chance ad uno dei tanti luoghi

“culturalmente inediti” di Bologna.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.